Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Omicidio Regeni, Conte: “Vogliamo la verità”. Ma non richiama l’ambasciatore in Egitto

Immagine di copertina

Il premier Giuseppe Conte assicura che sul caso dell’omicidio Regeni il Governo vuole la verità e farà tutto ciò che è necessario per ottenerla. Ma di ritirare l’ambasciatore italiano in Egitto non si parla.

“C’è la possibilità di celebrare un processo italiano, con le nostre regole e garanzie, per assicurare la verità, che anche dagli ultimi dettagli emersi è stata efferata, cruenta e crudele”, ha dichiarato Conte durante una conferenza stampa a Bruxelles, a margine del Consiglio europeo. “Sarà un processo credibile di rilievo internazionale, noi vogliamo la verità e continuiamo a operare come Governo tutti i passi necessari e valuteremo ogni altra iniziativa che possa essere, in questa logica, utile e comunque complementare rispetto all’obiettivo”.

La posizione del premier è sovrapponibile a quella del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio: “Il dialogo tra la procura di Roma e quella egiziana è stato un passo avanti, ma evidentemente non basta”, ha dichiarato il capo della Farnesina. “Quanto descritto dalla magistratura italiana su Giulio è inquietante. Chiediamo al Cairo un chiaro cambio di passo. Basta tentennamenti. Basta attese”.

E così l’unica iniziativa istituzionale italiana annunciata per ora è quella del presidente della Camera, Roberto Fico, che ha confermato l’interruzione dei rapporti diplomatici fra Montecitorio e il Parlamento egiziano. “Siamo  sconcertati da quanto scritto dai procuratori della Repubblica di Roma perché sono accuse alla sicurezza nazionale egiziana gravissime”, ha sottolineato Fico. “Sappiamo che Regeni è stato seguito e intercettato per 40 giorni, sequestrato, mantenuto prima in una caserma e poi in una stanza, la numero 13, del ministero degli Interni egiziano. Questa situazione è di una gravità assoluta e tutto il popolo italiano è profondamente indignato”.

Leggi anche: Se l’Italia non si indigna per le agghiaccianti torture degli 007 egiziani su Giulio Regeni (di Giulio Cavalli)

Ti potrebbe interessare
Politica / Sulla giustizia nessuno sfiducerà Draghi. “Al massimo 15 contrari nel M5S”
Politica / Milano, il candidato sindaco del centrodestra ammette: “Porto la pistola con me in ospedale. Ne ho titolo”
Politica / Enrico Letta ringrazia Salvini: "Ha fatto bene a vaccinarsi"
Ti potrebbe interessare
Politica / Sulla giustizia nessuno sfiducerà Draghi. “Al massimo 15 contrari nel M5S”
Politica / Milano, il candidato sindaco del centrodestra ammette: “Porto la pistola con me in ospedale. Ne ho titolo”
Politica / Enrico Letta ringrazia Salvini: "Ha fatto bene a vaccinarsi"
Politica / Nel 2020 Italia Viva ha ricevuto donazioni per 900mila euro: ecco chi sono i finanziatori
Politica / La Lega vuole riaprire le discoteche: “C’è razzismo verso i giovani”
Politica / Salvini: "Le parole di Draghi sui vaccini? Ci sono rimasto male"
Politica / Mattarella bacchetta Governo e Parlamento: “Troppi decreti legge anomali, ora basta”
Politica / Dimissioni ministri M5S? Grillo infuriato per le parole di Dadone: "Beppe sta con Draghi"
Politica / Salvini si è fatto la prima dose di vaccino anti-Covid
Politica / Dadone: "Valutare con Conte ipotesi dimissioni ministri M5S"