Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Omicidio Regeni, Conte: “Vogliamo la verità”. Ma non richiama l’ambasciatore in Egitto

Immagine di copertina

Il premier Giuseppe Conte assicura che sul caso dell’omicidio Regeni il Governo vuole la verità e farà tutto ciò che è necessario per ottenerla. Ma di ritirare l’ambasciatore italiano in Egitto non si parla.

“C’è la possibilità di celebrare un processo italiano, con le nostre regole e garanzie, per assicurare la verità, che anche dagli ultimi dettagli emersi è stata efferata, cruenta e crudele”, ha dichiarato Conte durante una conferenza stampa a Bruxelles, a margine del Consiglio europeo. “Sarà un processo credibile di rilievo internazionale, noi vogliamo la verità e continuiamo a operare come Governo tutti i passi necessari e valuteremo ogni altra iniziativa che possa essere, in questa logica, utile e comunque complementare rispetto all’obiettivo”.

La posizione del premier è sovrapponibile a quella del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio: “Il dialogo tra la procura di Roma e quella egiziana è stato un passo avanti, ma evidentemente non basta”, ha dichiarato il capo della Farnesina. “Quanto descritto dalla magistratura italiana su Giulio è inquietante. Chiediamo al Cairo un chiaro cambio di passo. Basta tentennamenti. Basta attese”.

E così l’unica iniziativa istituzionale italiana annunciata per ora è quella del presidente della Camera, Roberto Fico, che ha confermato l’interruzione dei rapporti diplomatici fra Montecitorio e il Parlamento egiziano. “Siamo  sconcertati da quanto scritto dai procuratori della Repubblica di Roma perché sono accuse alla sicurezza nazionale egiziana gravissime”, ha sottolineato Fico. “Sappiamo che Regeni è stato seguito e intercettato per 40 giorni, sequestrato, mantenuto prima in una caserma e poi in una stanza, la numero 13, del ministero degli Interni egiziano. Questa situazione è di una gravità assoluta e tutto il popolo italiano è profondamente indignato”.

Leggi anche: Se l’Italia non si indigna per le agghiaccianti torture degli 007 egiziani su Giulio Regeni (di Giulio Cavalli)

Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr