Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Nomine Rai, Meloni furiosa con Lega e Forza Italia. E se la prende anche con Mattarella

Immagine di copertina

A distanza di due giorni dalle nomine dei membri del Consiglio di amministrazione Rai la disputa è tutt’altro che risolta. Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, è decisa a dare battaglia per l’esclusione del rappresentante di partito dal board.

Gli eletti sono Alessandro di Majo (M5S) e Igor De Biasio (Lega) al Senato mentre, alla Camera, risultano elette Francesca Bria (Pd) e Simona Agnes (Forza Italia). La scelta di quest’ultima, da parte di Lega e Forza Italia (161 voti), ha portato all’esclusione dell’unico membro di opposizione: Giampaolo Rossi, consigliere uscente, in quota Fratelli d’Italia. L’unico consigliere la cui nomina è passata liscia è De Biasio (102 voti), per il resto, la scelta di Francesca Bria da parte del Pd (162 voti), con l’appoggio di Leu, ha lasciato a bocca asciutta Italia viva che le preferiva Stefano Menichini. Da qui la scheda bianca depositata nell’urna.

Ieri il Consiglio dei ministri e l’assemblea della Rai hanno dato il via libera alle nomine, proposte dal Tesoro, di Carlo Fuortes e Marinella Soldi, che oggi approderanno nel nuovo cda che eleggerà il presidente.

Meloni ha già sollevato la polemica sui social: “Quando l’Italia era ancora una Nazione democratica la governance della Rai, l’emittente pubblica, contemplava la presenza dell’opposizione, a cui spettava la Presidenza e la presenza nel Cda. Nell’epoca della maggioranza arcobaleno, invece, Fratelli d’Italia – unico partito di opposizione e secondo molti sondaggi primo partito italiano – viene epurato da qualsiasi rappresentanza, così che il servizio pubblico, pagato con i soldi di tutti gli italiani, sia più simile al modello cinese che a quello di una qualsiasi Nazione democratica”.

Meloni ha parlato anche del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del quale dice “mi spiace che non sia intervenuto” su “una decisione scandalosa”, “una violazione senza precedenti delle più banali norme del pluralismo”. E proprio sul rispetto del pluralismo arriva la solidarietà dell’azzurro Elio Vito, secondo cui dovrebbe essere “ancora più stringente in un periodo di “grande maggioranza”.

Quanto all’alleato Matteo Salvini, il leader leghista spiega che “la presenza di esponenti di Lega e FI nel cda Rai sarà garanzia di pluralismo per tutti, opposizioni comprese, per bilanciare un eterno predominio della sinistra nella tv pubblica confermato, purtroppo, anche in occasione di queste ultime nomine”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Sgarbi: “Berlusconi è triste, l’operazione scoiattolo s’è fermata”
Politica / Salvini: “Penso che Draghi sarà premier anche nei prossimi mesi”
Politica / Imbarazzo al Senato: durante un convegno del M5S sulla Pa spunta un video porno
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Sgarbi: “Berlusconi è triste, l’operazione scoiattolo s’è fermata”
Politica / Salvini: “Penso che Draghi sarà premier anche nei prossimi mesi”
Politica / Imbarazzo al Senato: durante un convegno del M5S sulla Pa spunta un video porno
Politica / Quirinale, Salvini molla Berlusconi: “In arrivo una proposta della Lega per il Colle”
Politica / Scoppia la polemica nel Movimento 5 Stelle dopo le “due strade per il Quirinale” di Bettini
Politica / Quirinale, Bettini a TPI: “Conte prezioso per il Movimento 5 Stelle e per l’Italia”
Politica / Quirinale, no alle schede “segnate”: Roberto Fico complica i piani del centrodestra
Politica / Gli intellettuali italiani contro Renzi: “Scelga tra il Senato e le attività promozionali all’estero”
Politica / Addio David (di Pierluigi Bersani)
Politica / Su giornali, radio e tv si parla del Presidente della Repubblica ogni 15 minuti: lo studio (e i nomi)