Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Se cade il governo si torna alle urne”: la linea di Mattarella dopo il terremoto nella maggioranza Pd-M5S

Immagine di copertina
Sergio Mattarella Credit: Ansa

Mattarella non sarebbe propenso ad eventuali rimpasti di governo. Il voto resta la pista più praticabile in caso di crisi politica

News governo, Mattarella esprime la linea del Quirinale sulla tenuta della maggioranza giallo-rossa

Dopo le elezioni in Umbria del 27 ottobre il governo giallo-rosso traballa. Per il Quirinale “non sono possibili formule politiche ulteriori”. “Se cade il governo giallorosso si va al voto”, questa sarebbe la linea del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Si andrebbe alle urne molto prima del referendum sulla legge elettorale, cioè con il Rosatellum per eleggere un Parlamento di 945 membri, “perché il Paese non può aspettare” o “fare governi tecnici”.

News governo, Mattarella parla di urne

Questo è lo scenario politico con le tensioni che pendono sul governo Conte bis su cui molti scommettono sulla sua fine a breve. La priorità per il capo dello Stato resta però la manovra. La legge di Bilancio deve essere approvata prima di qualsiasi crisi di governo.

Quanto accaduto in Umbria non impone a Sergio Mattarella alcun intervento. Nella notte della vittoria umbra il leader della Lega Matteo Salvini ha evocato una sua iniziativa, ma formalmente non impone nessuna azione politica.

Caduta di governo, i precedenti

Ci sono dei precedenti nella storia recente. Nell’aprile 2000, dopo la sconfitta alle regionali, Massimo D’Alema rassegnò le dimissioni. Nacque un nuovo governo, guidato da Giuliano Amato. Nell’aprile del 2005, dopo un rovescio del centrodestra, Silvio Berlusconi si dimise sì, ma per fare subito un nuovo governo guidato da lui medesimo, il Berlusconi ter. Stavolta, se Conte si dimettesse sarebbe insomma molto difficile evitare le urne.

Il referendum sul taglio dei parlamentari

La riforma del taglio votata dal Parlamento lo scorso 8 ottobre e pubblicata in Gazzetta ufficiale il 12 ottobre prevede un’elezione di 600 parlamentari e non più 945. Ma con elezioni anticipate non sarebbe possibile attuarla. L’articolo 4 della Riforma dispone infatti che “le disposizioni si applicano non prima che siano decorsi sessanta giorni dalla predetta data di entrata in vigore”.

L’entrata in vigore è prevista per il 12 gennaio e se un quinto dei parlamentari non avrà raccolto le firme necessarie per fare scattare il referendum confermativo, e quindi le nuove regole varrebbero dal 12 marzo. Oppure sessanta giorni dopo la celebrazione del referendum.

Alla Camera tre deputati, Deborah Bergamini Roberto Giachetti, Riccardo Magi, stanno raccogliendo le firme per chiedere il referendum. Hanno tempo tre mesi. Servono le firme di un quinto o della Camera o del Senato. 126 firme a Montecitorio, dove al momento sono a quota 15. Va meglio al Senato. Qui le firme raccolte sono 40. Ne mancano 24.

Insomma, secondo la linea del Quirinale, si rischia di andare alle urne senza neanche passare dal referendum.

Leggi anche:
La notte in cui è morto il M5S (di Giulio Gambino)
Giarrusso (M5S) a TPI: “La nostra crisi? Colpa dello strapotere di Conte nel governo. Di Maio lì non conta”

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Femminicidi, La Russa lancia la proposta: “Manifestazione di soli uomini”
Politica / Vendita di navi e aerei militari alla Colombia: D’Alema e Profumo indagati e perquisiti dalla Digos
Politica / Roma Pride, Regione Lazio revoca patrocinio. “Nessun sostegno all’utero in affitto”. La replica: “Una farsa”
Ti potrebbe interessare
Politica / Femminicidi, La Russa lancia la proposta: “Manifestazione di soli uomini”
Politica / Vendita di navi e aerei militari alla Colombia: D’Alema e Profumo indagati e perquisiti dalla Digos
Politica / Roma Pride, Regione Lazio revoca patrocinio. “Nessun sostegno all’utero in affitto”. La replica: “Una farsa”
Politica / I giovani di InOltre a Schlein: “Portiamo avanti il salario minimo e il dialogo con l’associazionismo”
Politica / Il candidato sindaco di Renzi alleato con FdI a Velletri fa il saluto romano: “Lo faccio volentieri”
Politica / Famiglie arcobaleno, giovani, disoccupati, femministe, ambientalisti: cercasi partito per non rappresentati
Opinioni / Non è questa la Repubblica pensata dai nostri padri costituenti
Politica / Esclusivo TPI – Dio, Patria e… famiglia: l’affare offshore di mamma Meloni & C. sul litorale romano
Opinioni / Disprezzo per la stampa, repulisti in Rai, apologia del merito: così il Governo Meloni ci porta alla regressione culturale
Politica / “Mettetevi comodi, abbiamo un lungo lavoro da fare”: Schlein risponde agli attacchi dopo le Amministrative