Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

“Sbeffeggia la magistratura e il presidente Fico, fa il bullo con l’Ue: qualcuno faccia rinsavire Salvini”: parla Laura Boldrini

Il duro attacco a Salvini lanciato della deputata ed ex presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini: "Il ministro Salvini sta tenendo in ostaggio l’equipaggio e 150 persone per chiedere il riscatto all’Unione europea"

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 24 Ago. 2018 alle 14:39 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:12
0
Immagine di copertina
Credit: Afp
“Siamo in attesa di poter rientrare a bordo della nave Diciotti, questa mattina l’ammiraglio Martinez capo della capitaneria qui a Catania mi ha detto che c’erano dei problemi: non hanno accettato il cibo. Le visite sono bloccate”. nave Diciotti Boldrini 

La deputata ed ex presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, è giunta ieri a Catania, dove ha avuto modo di visitare i migranti bloccati sulla nave nel porto siciliano. La ex presidente ha raccontato a TPI cosa sta accadendo a bordo della Diciotti.

Il capitano della Diciotti, Massimo Kothmeir, ha dichiarato in una recente intervista che i migranti stanno bene, eppure è appena stata diffusa la notizia di uno sciopero della fame. Qual è davvero la situazione a bordo?

Intanto voglio ringraziare il comandante e l’equipaggio per il modo responsabile con cui stanno gestendo le cose. Devo dire che la situazione a bordo è difficile, ci sono 150 persone in condizioni igieniche precarie. nave Diciotti Boldrini Salvini

Ci sono anche 11 giovani donne con cui ho parlato a lungo, tra i 18 e i 19 anni che raccontano di situazioni terrificanti in Libia, con traumi subiti, violenze, alcune di loro hanno la scabbia e una è stata vittima di una pallottola quando era in Libia, durante la “compravendita”.

Cosa chiede a Salvini?

Se è un uomo lo dimostri, glielo chiedo da padre, dato che lui ragiona sempre da padre, queste ragazze potrebbero essere sue figlie, deve farle scendere e consentire loro le cure.

Poi ricordo che i migranti sono quasi tutti eritrei e che l’Eritrea è una delle dittature più efferate dell’Africa, c’è un dittatore – Isaias Afewerkiche non consente nessun tipo di opposizione, coloro che si oppongono vengono messi in prigione, e conosciamo le condizioni delle stesse In Eritrea non c’è stampa libera, c’è un solo partito, lui è presidente del Consiglio, presidente del parlamento e capo dello stato.

Salvini ha definito i migranti “illegali”, cosa risponde al riguardo?

È un altro sfregio, un altro arbitrio. Un abuso di potere: sono tutti richiedenti asilo in quanto provengono da un’efferata dittatura che perdura dal ’93. Dire che sono tutti illegali è un’altra insopportabile fake news.

Perché trattenerli?

Non c’è un motivo di ordine pubblico, 150 persone possono creare un problema di ordine pubblico in un paese di 60 milioni di abitanti?

Sono tutti potenziali richiedenti asilo questi a bordo. È inaccettabile che non venga data loro questa possibilità, queste persone non si danno pace, si chiedono “perché non possiamo scendere? Cosa succede?”.

Il ministro Salvini sta tenendo in ostaggio l’equipaggio e 150 persone per chiedere il riscatto all’Unione europea. Sta chiedendo un riscatto sulla pelle di queste persone.

Ma questa strategia non funziona. Si tratta a livello politico, non si fanno scambi sulla pelle delle persone fragili.

Dal Belgio dicono: “Non accetteremo migranti da Diciotti”, la strategia di Salvini sembra non funzionare.

Chiunque ha un’esperienza in ambito europeo e internazionale sa bene che non funzionano i ricatti. Salvini si è messo all’angolo da solo. Ha cercato la complicità dei suoi amici di Visegrad e si è alienato i rapporti con altri paesi, ha continuato a vituperare tutti, questo ha creato molta irritazione, l’Italia è più sola di prima.

Questo stona con i toni trionfalistici che Conte usò dopo il Consiglio europeo. Quello che sta accadendo sulla Diciotti dimostra che l’Italia è sempre più sola, questi metodi non pagano. Per gestire queste situazioni ci vuole senso di collaborazione, di solidarietà, mediazione, non arroganza, sfida o sbeffeggio.

Il presidente della Camera Fico ha cercato di intervenire ma Salvini gli si è scagliato contro, sembra esserci uno scontro intestino al governo

Salvini sta cercando il conflitto tra i poteri dello Stato, il suo obiettivo è generare caos. Sbeffeggia la magistratura, non rispetta il presidente della Camera, ricatta gli alleati di governo. Un vero bullo.

Oggi si sbloccherà la situazione?

Non lo so, penso che qualcuno debba far rinsavire Salvini e fargli capire che siamo in uno Stato di diritto, e in uno Stato di diritto non si fanno ricatti e non si applicano questi metodi.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.