Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Moscopoli, il M5s salva l’ex alleato Salvini e vota contro la commissione d’inchiesta Ue

Immagine di copertina
Luigi Di Maio e Matteo Salvini

Gli alleati del governo giallorosso divisi a Bruxelles. Gli eurodeputati pentastellati si trincerano dietro a un "no comment"

Moscopoli, il M5s salva Salvini: voto contro la commissione d’inchiesta Ue

Non ci sarà una commissione Ue per indagare su Moscopoli. Lo ha stabilito il Parlamento europeo, con il voto di ieri, 10 ottobre 2019. Ristretta la maggioranza: 320 voti contro 306. Decisivo, quindi, è stato il voto dei 13 europarlamentari del M5s che si sono inaspettatamente schierati con gli ex alleati della Lega.

Ha votato, invece, a favore dell’idea di istituire una commissione ad hoc il Partito democratico. Lo stesso David Sassoli, presidente del Parlamento, a pochi giorni dal suo insediamento aveva anticipato questa iniziativa. Gli alleati del governo giallorosso, quindi, si sono ritrovati divisi nell’aula di Bruxelles.

Il testo della proposta su cui si è espresso il Parlamento europeo faceva esplicitamente riferimento ai fatti dell’hotel Metropole e al caso Savoini. Ma un emendamento presentato dai Conservatori ha chiesto di depennare dalla risoluzione il paragrafo sulla commissione d’inchiesta. Poi, dopo il caso Moscopoli, il M5s si è astenuto anche sul voto finale.

“Senza una saldatura tra Lega e M5S, a quanto pare ancora molto forte, questo emendamento non sarebbe mai passato”, attacca Carlo Calenda, eurodeputato di Siamo Europei.

Interpellati sulla questione, riporta il quotidiano La Stampa, gli eurodeputati del M5s si trincerano dietro un “no comment”. Fonti M5S si limitano a far sapere di essersi astenuti su questo punto perché l’accusa al Carroccio “non si basa su fonti ufficiali, ma solo su fonti giornalistiche”.

Preoccupazione dell’Ue per le interferenze della Russia

Le istituzioni dell’Unione europea, del resto, sono da tempo preoccupate per le azioni della Russia nei confronti dei partiti europei. Quello della Lega, d’altronde, non è il primo caso del genere. C’è stato un caso in Francia, quando il Rassemblement National di Marine Le Pen è stato al centro di polemiche per aver ricevuto fondi dalla Russia nel 2014.

Nel 2017 in Germania sono emersi i rapporti tra Alternative für Deutschland e il Cremlino. C’è stato anche un caso austriaco, con il governo che cade a causa di un video dove il ministro Strache sembrava disposto a pilotare appalti per aziende russe in cambio di fondi per la campagna elettorale del suo partito.

E non sono recenti le voci di presunti legami di Arron Banks, uomo d’affari britannico tra i principali finanziatori dei comitati per il Leave al referendum sulla Brexit, e oligarchi del Cremlino.

Moscopoli, sullo smartphone di Savoini trovata una foto dell’accordo tra la Lega e i russi

Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “La nostra piazza più forte di loro”