Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Moscopoli, sullo smartphone di Savoini trovata una foto dell’accordo tra la Lega e i russi

Immagine di copertina

Soldi russi alla Lega, sullo smartphone di Savoini trovata una foto con i termini dell’accordo con i faccendieri di Mosca

Nuovi particolari sulla vicenda “Moscopoli” inguaiano Salvini, Savoini e la Lega. Sui telefoni di Gianluca Savoini e degli altri italiani presenti al Metropol di Mosca sono stati trovati i termini degli accordi per la spartizione dei 65 milioni di dollari che sarebbero dovuti arrivare dalla Russia alle casse della Lega. È una foto di un foglio di carta scritto a mano a complicare ancora di più la già spinosa faccenda. Su quel foglio vi era l’accordo per la compravendita di una partita di gasolio con uno sconto sul prezzo della fornitura, come scrive il quotidiano Repubblica.

L’incontro al Metropol di Mosca risale al 18 ottobre dell’anno scorso. A parteciparvi erano stati l’ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell’associazione Lombardia-Russia Gianluca Savoini, l’avvocato Gianluca Meranda, il consulente bancario Francesco Vannucci, e tre funzionari russi.

Il “pizzino” trovato sugli smartphone, con cifre e percentuali dell’accordo spiega che agli intermediari dell’affare sarebbero dovute andare delle percentuali, il 4 ai leghisti e il 6 ai russi. I pm De Pasquale, Spadaro e Ruta che indagano sulla trattativa, considerano questo foglio come una prova che l’accordo quel giorno era stato raggiunto.

I tre faccendieri della Lega al centro della vicenda “Moscopoli” sulla maxitangente russa sono indagati per corruzione internazionale.

Il pizzino confermerebbe quanto già rivelato nell’audio diffuso dalla testata statunitense Buzzfeed a luglio 2019 che fece venire alla luca l’intera vicenda Moscopoli.

“L’idea come concepita dai nostri ragazzi politici è che, con uno sconto del 4 per cento, 250.000 più 250.000 al mese per un anno, possono sostenere una campagna”, erano i termini dell’accordo proposto da Gianluca Meranda ai russi Andrey Yuryevich Kharchenko e Ilya Andreevich Yakunin. Ai russi sarebbe andato il 6 per cento.

“Farò solo uno screenshot qui e ve lo manderò in modo che siamo sincronizzati. Ok, signori, penso che le cose stiano andando nella giusta direzione”, dice ancora uno dei faccendieri della Lega.

L’acquirente finale della fornitura di gasolio con lo sconto pattuito del 10 per cento sarebbe dovuto essere Eni, come scrive Repubblica.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Spagna: folla in strada festeggia la prima notte senza stato di emergenza e coprifuoco | VIDEO
Esteri / Un pavone interrompe Draghi in conferenza stampa: il simpatico siparietto del premier | VIDEO
Esteri / Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Spagna: folla in strada festeggia la prima notte senza stato di emergenza e coprifuoco | VIDEO
Esteri / Un pavone interrompe Draghi in conferenza stampa: il simpatico siparietto del premier | VIDEO
Esteri / Afghanistan, due esplosioni davanti a una scuola di Kabul: almeno 50 morti e 100 feriti
Esteri / Sadiq Khan è stato rieletto sindaco di Londra
Esteri / Brexit, provano a entrare nel Regno Unito: 30 cittadini italiani ed europei fermati e detenuti
Esteri / Hong Kong, viaggio nella città simbolo del nuovo mondo globale
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro