Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Giorgia Meloni: “Sinistra razzista e misogina, gli insulti a me solo la punta dell’iceberg”

Immagine di copertina
Giorgia Meloni Credits: ANSA

“Non sono nuova a questo genere di insulti, ma ho notato che negli ultimi tempi il livello si è alzato. Non è più la persona nascosta dietro il profilo delle rete, ora si tratta di docenti, storici, giornalisti. E il frutto di diverse forme di razzismo. La sinistra da salotto è diventata razzista e misogina. Le forme di razzismo viste in quel siparietto erano almeno tre. Intanto quella nei confronti delle donne, che è tipica della misoginia: sembra che non si possa prescindere dal riferimento a una donna senza dire cose turpi. Poi c’è il razzismo verso la destra analfabeta”. Lo dice in una intervista a La Stampa Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia.

“La terza forma di razzismo che sta ammazzando le persone di sinistra è quella nei confronti del popolo – continua la leader romana – Per loro è un insulto definire qualcuno pesciarolo, ortolano, contadino. Ma anche le anime belle della sinistra mangiano grazie a chi svolge quei lavori indispensabili per la società italiana. Questa sinistra invece se ne sta chiusa nei suoi salotti a discettare dei problemi del popolo, che disprezza e non capisce. Della serie ‘Se il popolo non ha più pane, che mangi brioche’”.

“Ai professori come Conte o Draghi sfuggono alcuni elementi basilari della democrazia. Sono 2 mila anni che la società occidentale si interroga su quali siano i migliori per rappresentare il popolo – afferma – Mi pareva che l’avessimo risolto stabilendo che i migliori sono quelli scelti dal popolo e non mi pare che tra le regole della nostra Costituzione ci sia un numero minimo di libri da leggere per rappresentare gli italiani. Serve un numero minimo di voti, che è un’altra cosa. Altrimenti ci possono riproporre il voto in base al censo”, conclude Giorgia Meloni.

Leggi anche: Insulti a Giorgia Meloni, il compagno Andrea Giambruno la difende in diretta tv: “Fiero di lei, il prof vergognoso”

Ti potrebbe interessare
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”
Politica / L’assembramento dei migliori nel nome di Draghi non è quello che serve all’Italia
Politica / Scontro Di Maio-Gruber: "Per screditarmi mi hanno dato dell'omosessuale". Lei: “Nel 2021 è un discredito?"
Ti potrebbe interessare
Politica / Orban elogia Salvini: “È un eroe che è riuscito a fermare i migranti anche in mare”
Politica / L’assembramento dei migliori nel nome di Draghi non è quello che serve all’Italia
Politica / Scontro Di Maio-Gruber: "Per screditarmi mi hanno dato dell'omosessuale". Lei: “Nel 2021 è un discredito?"
Politica / Ddl Zan, che cos’è la “tagliola” e come funziona la procedura speciale
Politica / Draghi va allo scontro con i sindacati sulla legge di bilancio, possibile sciopero generale
Politica / Ddl Zan, il Senato vota Sì alla “tagliola”: stop alla legge con 154 voti favorevoli a scrutinio segreto
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”