Covid ultime 24h
casi +11.629
deceduti +299
tamponi +216.211
terapie intensive +14

Martina (Pd) risponde alla lettera dei fondatori delle Sardine: “Sfida enorme alla sinistra, ma ora passino dalle città alle periferie”

L'ex ministro delle Politiche agricole ha commentato la missiva che i quattro fondatori del movimento hanno scritto in cui hanno ribadito di "non voler diventare un partito"

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 20 Dic. 2019 alle 19:35
50
Immagine di copertina

Sardine, l’ex segretario del Pd Martina risponde alla lettera dei fondatori del movimento

“Una sfida enorme alla sinistra”: così Maurizio Martina, ex segretario del Pd, risponde alla lettera che i fondatori del movimento delle Sardine hanno scritto al quotidiano La Repubblica.

Nella missiva, pubblicata dal quotidiano nella giornata di venerdì 20 dicembre, Andrea Garreffa, Roberto Morotti, Mattia Santori e Giulia Trappoloni affermano, tra le altre cose, di “non voler diventare un partito” perché “dare una cornice è come mettere confini al mare”.

Una decisione che è stata commentata da Martina, in un’intervista a La Repubblica, il quale ha affermato che: “Per me è importantissimo che quella lettera avvalori il lavoro che questi ragazzi straordinari hanno fatto in alternativa alla destra”

“Da cittadini – prosegue l’ex ministro delle Politiche agricole – hanno operato una chiara scelta di campo. Un’esperienza come quella che abbiamo visto crescere in queste settimane va rispettata nella sua autonomia e quindi capisco la loro volontà di non farsi irreggimentare”.

Alla domanda su che cose chiedono queste piazze, Martina risponde: “Da quelle piazze è emersa una domanda di buona politica, di presenza fisica, di toni differenti, che pone una grande questione di metodo oltre che di merito. Continuo a pensare che questa enorme energia vada riconosciuta e rispettata e pone una sfida enorme a chi come noi fa politica di partito tutti i giorni”.

Una sfida, quelle della sardine alla destra, ma anche alla sinistra. “Quelle piazze sono alternative alla destra ma pongono una grande domanda di cambiamento anche al centrosinistra” dichiara l’ex segretario del Pd.

“Dopo le regionali – è il ragionamento di Marina – noi dobbiamo avere il coraggio e la forza di aprire una strada nuova per costruire un grande soggetto plurale. Il passaggio sarà dal Partito democratico ai democratici”.

Tuttavia, anche le sardine devono secondo l’ex ministro “devono porsi il tema enorme, e per me cruciale, dei territori periferici. Hanno di fronte ancora la grande questione della frattura tra città e campagna, fra centro e periferia. Penso però che questi ragazzi lo sappiano come noi”.

In conclusione, Maurizio Martina crede che dalle piazze delle sardine emerga “uno spirito positivo utile al Paese”.

“La grande innovazione di queste piazze è quella di aver imposto un cambio di registro nei toni, nei messaggi. Si sono mobilitate per fermare una deriva. Quei ragazzi, come scrivono, non volevano più ‘rimanere sdraiati’: hanno deciso di alzarsi e scendere in piazza, dando un segnale straordinario”.

Leggi anche:

“Io sono Mattia: eravamo 6mila e ora siamo 200mila. Noi Sardine da tutt’Italia salveremo i giovani e sconfiggeremo l’odio di Salvini”

Marco Revelli risponde a Barbara Spinelli: in difesa delle Sardine contro il demagogo Salvini

Reportage da Perugia invasa da 3mila sardine: “Pensavamo di essere soli, invece c’è un mondo che dice no a Salvini”

Le sardine lanciano il nuovo programma dopo la riunione nazionale. “Noi un partito? Troppo presto per dirlo”

Salvini risponde a Mattia Santori su TPI: “Il leader delle Sardine non sa cos’è la democrazia, chiudere mia pagina FB è come togliere voto agli italiani”

Salvini a TPI: “Alle sardine non piace il decreto sicurezza? Entrino in Parlamento e lo cambino”

50
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.