Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”

Immagine di copertina

Diciamo che quando nella tardissima serata di ieri a Palazzo Chigi hanno letto il post dell’ex presidente del consiglio Giuseppe Conte non hanno certamente brindato per l’entusiasmo. Certo, “Giuseppi” se non altro per fair play istituzionale se la poteva pure risparmiare, il ragionamento, però non possiamo certo replicare a queste cose, la risposta dei più vicini al premier a chi chiedeva lumi in merito.

Ma cosa avrebbe detto di tanto “grave” Conte proprio nel giorno della celebrazione in pompa magna del via libera europeo al Piano di rinascita e resilienza italiano? Che questo “non è il Piano del governo di turno. Non era allora del governo Conte, non lo è oggi del governo Draghi”.

Come a dire caro Mario evita di prenderti tutti i meriti perché non è così. Insomma, tra i due ormai è “guerra fredda”, a volte sotterranea come nel caso del “piazza pulita” dell’influente sistema di potere legato al precedente capo del governo (servizi segreti, commissario Covid, navigator alla Cassa Depositi e Prestiti) altre volte meno. Ma cosa vuole fare da grande Conte, ci si chiede ora a palazzo Chigi, se riuscisse a salire al comando dei 5 Stelle?

Qui le riflessioni si sprecano: “Conte vuole diventare la Meloni di sinistra”. Cioè vuole fare nel centrosinistra quello che Giorgia Meloni sta facendo a destra: mettersi all’opposizione del governo ma succhiando voti al PD anziché alla Lega.

Con i 5 Stelle bassi nei sondaggi a palazzo Chigi danno ormai per scontata una deriva del genere dopo le elezioni amministrative di ottobre tanto più che ci sarà il semestre bianco che non farà temere ai parlamentari “grillini” lo scioglimento anticipato delle Camere.

Scenario temuto da Enrico Letta tanto da averne parlato, a quanto risulta a TPI, più volte telefonicamente con Luigi Di Maio per cercare rassicurazioni. Insomma, Draghi e Letta per motivi diversi ma convergenti cominciano a temere il “linguaggio della verità” di “Giuseppi”.

“Basta leggere la stampa più vicina all’ex premier per capire che il lutto per la perdita del governo ancora non è stato elaborato e c’è sete di rivalsa” riflette a voce alta un big grillino. Resta da capire cosa ne pensa di tutto questo Beppe Grillo che di mettersi contro Mario Draghi dopo aver convinto i 5 Stelle a sostenerlo non ne vuol sapere ma soprattutto bisognerà vedere se Conte riuscirà a coronare il sogno di “prendersi” i 5 Stelle.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)
Opinioni / Da oggi siamo ancora più vicini a voi lettori (di G. Gambino)
Opinioni / Pace e diritto al lavoro: così la guerra in Ucraina ha cambiato il significato del primo maggio (di P. Maddalena)