Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Marcucci (Pd) a TPI: “Letta ci silenzia. Renzi? Che delusione”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Parla l’ex capogruppo Pd al Senato: “Il segretario dem ci impone il silenzio sul Quirinale, ma così sbaglia, perché la partita intanto va avanti… Renzi che delusione sul Ddl Zan”

«Sul ddl Zan il Pd ha fatto una serie di errori e ora il dibattito sul prossimo presidente della Repubblica è silenziato. Renzi? Ha sbagliato a non presentarsi per la votazione in Senato». Andrea Marcucci, senatore ex capogruppo del Pd, considerato spesso un renziano in “missione speciale”, è molto critico rispetto alla strategia adottata dal segretario dem sulla legge contro l’omotransfobia, e crede che questo sia il momento di trovare una strada comune dentro al Partito democratico su Quirinale e legge elettorale, per non sbagliare ancora.

Parliamo del prossimo presidente della Repubblica: ma veramente per Letta deve restare un tabù fino a febbraio?
«Anche se è stato imposto il silenziatore sul Colle, la pre partita va avanti in ogni caso».

In che senso il silenziatore?
«Alla fine è una consuetudine che si ripete ogni sette anni, per evitare di rispondersi sui giornali e tessere così le trame nel dietro le quinte. Ma tabù o non tabù io rispondo comunque».

E allora, mi dica: vuole Draghi al Quirinale?
«Il presidente del Consiglio in carica sta lavorando molto bene e sta ricevendo apprezzamenti da tutto il mondo. L’Italia ha di fatto una leadership internazionale che non aveva da tanto tempo. Tutto questo è innegabile e per questo io spero che continui il suo mandato fino al termine della legislatura. Poi faccio un ragionamento generale, se dalle elezioni del ‘23 uscisse un quadro politico definito, mi piacerebbe che Mario Draghi potesse accompagnare anche la realizzazione concreta delle riforme che il Parlamento sta approvando in questo mesi».

Non al Colle, ma premier anche dopo il 2023 allora?
«Per come stanno ora le cose, certamente all’Italia, Draghi serve ora più a Palazzo Chigi che non al  Quirinale. Se le urne ci diranno che c’è una maggioranza compatibile, l’indicazione per il ritorno di Draghi al governo, sarebbe congrua».

Cosa ne pensa del “grande centro che dialoga con tutti” di cui si parla tanto?
«Dobbiamo aspettare i prossimi mesi per capire come si disporranno gli schieramenti».

La Lega che oggi sostiene il governo farà parte di questo nuovo centro?
«Salvini non potrà mai essere un interlocutore, il suo antieuropeismo è una minaccia concreta. Non credo neanche in una trasformazione della Lega, che ha rinnovato il suo patto d’azione con Ungheria e Polonia. Giorgetti o non Giorgetti, il traguardo del Ppe mi sembra lontanissimo, praticamente irraggiungibile. In politica però, mai dire mai».

Torniamo sul “silenziatore”: Letta lo ha imposto anche sulla legge elettorale?
«Sì, ma nel caso della legge elettorale, penso che il segretario abbia ragione. Si giocherà sul serio solo dopo l’elezione al Colle»…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S
Politica / Esclusivo TPI – Tutti i (costosissimi) voli privati noleggiati dalla Fondazione Open per Renzi &Co.