Manovra news, Renzi: “Va affrontata subito l’emergenza crescita”

Le ultime news sulla manovra economica in vista della Nota di aggiornamento al Def

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 28 Set. 2019 alle 10:23 Aggiornato il 28 Set. 2019 alle 10:26
14
Immagine di copertina
Il premier Giuseppe Conte (Photo by Andreas SOLARO / AFP)

Manovra news: le ultime notizie di oggi sabato 28 settembre 2019

Il Governo Conte bis stringe sulla manovra economica. Lunedì 30 settembre l’esecutivo si riunirà per definire la Nota di aggiornamento al Def (NaDef), passaggio fondamentale nell’iter verso la Legge di Bilancio 2020. La scadenza di legge (non perentoria) sarebbe il 27 settembre, ma anche a causa delle difficoltà riscontrate nel recupero delle coperture contro l’aumento dell’Iva il Consiglio dei ministri è slittato. I temi principali sul tavolo sono: taglio del cuneo fiscale e lotta all’evasione fiscale. Ecco le ultime news.

Manovra news: le notizie in diretta LIVE

Di seguito le ultime notizie in tempo reale sulla manovra del Governo Conte bis.

Avere evitato elezioni anticipate in piena sessione di bilancio “è stato un miracolo e soprattutto un toccasana per l’economia”. Ora va affrontata subito l’emergenza crescita. Lo sostiene Matteo Renzi in un intervento sul Sole 24 ore, dove afferma che avere alla guida del Mef una “persona seria” come Roberto Gualtieri “è un grande passo in avanti”. Italia Viva “sostiene l’Esecutivo e lo incalza non sulle poltrone, ma sullo sviluppo” aggiunge, puntando su “due punti chiave, sul breve periodo la crescita del Pil attraverso lo sblocco degli investimenti. Sul medio periodo la crescita demografica, vera catastrofe italiana”.

Oggi, per Renzi, serve “un gigantesco piano di investimenti, pubblici e privati. E il bello è che i soldi ci sono: il blocco è esclusivamente di natura burocratica o politica. Ci sono 36 miliardi di euro da spendere nelle grandi opere”, come la Torino-Lione, la SS 106 in Calabria, l’Alta velocità tra Veneto e Lombardia, e opere pubbliche ferroviarie e stradali ritardate in Sicilia. Tra le altre misure necessarie, il piano di infrastrutturazione digitale; la politica energetica; sbloccare il piano periferie nei comuni; rimettere in funzione le unità di missione sul dissesto idrogeologico (Casa Italia) e sull’edilizia scolastica; assicurare un piano Casa.

Bisogna poi “garantire leadership adeguate ai centri di spesa a cominciare dalle Ferrovie”, dove “il cambio di vertice deciso da Toninelli e Tria si è rivelato un autogol incomprensibile”. L’ex premier sottolinea che laddove si creano le condizioni di “pax burocratica”, arrivano risultati strabilianti e cita l’esempio di Genova “dove il bellissimo ponte di Renzo Piano prende forma in tempi da record”. Se si applicasse “il modello Genova ai 36 miliardi di euro di opere pubbliche bloccate o rallentate avremmo una crescita del Pil di almeno il 2% per i prossimi cinque anni”. Per la crescita demografica, infine, Renzi considera “un dovere civile” il primo stanziamento di almeno un miliardo di euro in favore del “Family Act”.

Sai perché si parla di IVA? Te lo spiega IMEN in un video TPI. Senza giri di parole

Cos’è il cuneo fiscale e perché il Governo vuole tagliarlo

“Ecco perché le lobby vogliono impedire la tassa sulle merendine che ho proposto”: il ministro Fioramonti parla a TPI

Quota 100, nel 2019 risparmi per 1,7 miliardi: confermata per il 2020

Una card unica al posto di bancomat e carta di identità: cos’è e come funziona

Flat tax, il governo vuole confermarla per le partite Iva fino a 65 mila euro

14
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.