Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Maggioranza Pd-M5s: su quanti numeri in Senato e alla Camera potrebbe contare il governo Conte bis

Immagine di copertina

Maggioranza Pd-M5s: su quanti numeri in Senato e alla Camera potrebbe contare il governo Conte bis

Manca solo l’approvazione da parte della base M5s sulla piattaforma Rousseau per dare il via libera al governo Conte bis. Se tutto andrà come sperano i vertici del Movimento, domani Conte scioglierà la riserva davanti al capo dello Stato, e si appresterà a varare un nuovo esecutivo giallo-rosso. Ma su quanti numeri in parlamento può contare la nuova maggioranza?

La vecchia maggioranza con la Lega

La fiducia al governo Conte era stata votata il 5 e 6 giugno 2018, rispettivamente da Senato e Camera dei deputati. In Senato a votare a favore erano stati il Movimento Cinque Stelle, con 107 senatori, Lega, con 58, Maie con 2. Avevano votato contro 62 senatori di Forza Italia, 51 del Pd, 18 di Fratelli d’Italia, 8 delle Autonomie, 1 del Psi, 1 di più Europa e altri 9. In Senato la maggioranza era formata da 167 deputati su 321.

Alla Camera dei deputati la maggioranza era formata dai 216 deputati del Movimento Cinque Stelle, dai 125 della Lega e dai 3 di Maie. All’opposizione vi erano i 111 deputati del Pd, i 104 di Forza Italia, i 33 di Fratelli d’Italia, i 14 di Leu, i 4 di area popolare, i 4 delle minoranze linguistiche, i 4 dell’Udc, i 3 di +Europa e altri 9. Alla Camera la maggioranza contava su 344 deputati su 630.

La nuova maggioranza Pd M5s

Il governo Conte bis, Pd e M5s, com’è noto, si appoggerà su una maggioranza diversa da quella che c’è stata fino al 20 agosto, giorno delle dimissioni di Conte. Il Movimento Cinque Stelle ha cercato l’appoggio del Partito democratico. Se non ci saranno sorprese, il nuovo governo si presenterà in Parlamento per la chiedere la fiducia delle due camere, già dalla settimana prossima, dopo che avrà giurato nelle mani del capo dello Stato. Ma su quanti numeri potrà contare l’esecutivo Conte bis? Al Senato la maggioranza appare sempre più in bilico. Per poter governare c’è bisogno di almeno 161 senatori.

Il vicesegretario della Lega, Andrea Crippa, ha detto che almeno 9 senatori del M5s avrebbero proposto di non votare la fiducia a Conte in cambio di una candidatura per un seggio con la Lega alle prossime elezioni. Qui abbiamo spiegato la vicenda nel dettaglio.

Se davvero ci fossero 9 dissidenti grillini, allora la somma dei senatori M5s e di quelli dem sarebbe 158 invece che 167, al di sotto della maggioranza assoluta di 161. Una maggioranza pericolosa e risicata, anche se decidessero di votare a favore i 4 senatori Leu.

Il senatore grillino Gianluigi Paragone ha già detto pubblicamente che si oppone al governo con l’odiato Partito democratico.

Lo stesso Paragone dice che però un aiuto alla maggioranza potrebbe arrivare da Forza Italia, dai parlamentari vicini a Gianni Letta (che non è in parlamento nell’attuale legislatura), ma la voce non è stata confermata da nessun vertice azzurro.

Alla Camera i numeri sono molti più stabili. A fronte di una soglia della maggioranza assoluta che si attesta sui 315 deputati, Pd e M5s conterebbero su almeno 347 parlamentari: 215 del Movimento Cinque Stelle, 111 del Pd, 14 di Leu e 7 del gruppo Misto.

Dell’opposizione farebbero invece parte Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia. Qui di seguito un grafico riassuntivo che mostra come alla Camera dei deputati il governo Conte bis conterebbe su una maggioranza non risicata.

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale
Politica / Quirinale, terminata la seconda votazione: al via lo spoglio. Il centrodestra propone Pera, Moratti e Nordio. Letta: "Nomi di qualità, valuteremo senza pregiudizi"
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto dal centrodestra come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri
Politica / Chi è Elisabetta Belloni e perché potrebbe essere la prima donna presidente (del Consiglio o della Repubblica)