Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

La maggioranza è a rischio? Tutti i numeri in parlamento del governo giallo-verde

Immagine di copertina

La maggioranza in Senato è sempre meno solida. In parlamento i numeri del governo giallo-verde si assottigliano. Se già qualche settimana fa la sfiducia al ministro Toninelli aveva messo a dura prova la tenuta del governo, il caso Siri potrebbe aprire fratture non facilmente rimarginabili.

Il partito democratico ha presentato una mozione di sfiducia dopo lo scoppio del caso Siri: riuscirà il governo a uscirne indenne?

In Senato il governo in occasione della sfiducia a Toninelli aveva potuto contare su 159 voti, contro i 102 che aveva votato a favore della mozione. Gli astenuti erano stati 19.

La maggioranza, in caso di mozione di sfiducia al governo, potrebbe contare su 164-166 voti, spiegano fonti parlamentari all’Agi.

In Senato nei mesi scorsi i numeri si sono assottigliati, a causa delle espulsioni di alcuni parlamentari grillini.

La maggioranza al momento del voto di fiducia del 1 giugno scorso, poteva contare in totale su 171 seggi: 107 del M5s, 58 della Lega e 6 del gruppo misto. 149 sono invece i senatori dell’opposizione: 61 di Forza Italia, 52 del Pd, 18 di Fratelli d’Italia, 7 del gruppo misto e 8 delle autonomie.

Alcuni dei senatori dei partiti di maggioranza sono dissidenti, o comunque “ballerini”. Gli equilibri sono dunque molto precari.

Il margine rispetto alla maggioranza assoluta è di pochissimi voti, quattro o cinque.

Gli equilibri esili si erano già visti in occasione del voto sull’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, quando i soli 153 voti di Lega e M5s non sarebbero bastati a evitare il processo. In quel caso Forza Italia e Fratelli d’Italia si schierarono a favore del ministro dell’Interno.

La maggioranza potrebbe dunque attestarsi intorno ai 164-166 voti: 104 M5s (contando anche i 3 dissidenti Nugnes, Fattori e Manteo), 58 quelli della Lega, 2 del gruppo misto (Cario e Merlo). In dubbio ci sono 3 senatori che prima facevano parte del M5s, e 4 del gruppo delle Autonomie.

Per quanto riguarda l’opposizione, i voti a favore della sfiducia potrebbero essere 134, e se anche i senatori a vita si schierassero contro il governo. E nel dettaglio: 60 di Forza Italia, 52 del Pd, 18 di Fratelli d’Italia, 4 del gruppo Misto-Leu e Emma Bonino.

Al netto di assenze e altre contingenze, il governo può contare dunque su una maggioranza in Senato risicata, ma pur sempre sufficiente per sopravvivere.

Alla Camera la situazione è invece più favorevole: i numeri della maggioranza sono 349 (219 del M5s, 123 della Lega e 7 del gruppo Misto), mentre le opposizioni si attestano sui 279 deputati: 112 del Pd, 105 di Forza Italia, 32 di Fratelli d’Italia, 16 del gruppo Misto e 14 di Leu.

Ti potrebbe interessare
Politica / Matteo Renzi querela Report: “Vicenda orchestrata, servono verifiche”
Politica / Tra Salvini e Meloni ora è gelo: "Non si parlano più". I motivi dello scontro
Politica / Conte: "Il mio governo caduto per interessi economici e politici"
Ti potrebbe interessare
Politica / Matteo Renzi querela Report: “Vicenda orchestrata, servono verifiche”
Politica / Tra Salvini e Meloni ora è gelo: "Non si parlano più". I motivi dello scontro
Politica / Conte: "Il mio governo caduto per interessi economici e politici"
Politica / Molte rischiano il ritorno in arancione. I governatori: "Abolire l'indice Rt"
Politica / Brevetti vaccini, Draghi apre a Biden: “Una deroga temporanea non è un danno per le aziende”
Politica / Roma, la libraia di Tor Bella Monaca che boicotta il libro di Giorgia Meloni: “So’ scelte, io so’ indipendente”
Politica / Draghi: “Il mercato del lavoro è ingiusto e danneggia donne e giovani”
Politica / Caso Zaki, Di Maio: "Più ne parliamo, più l'Egitto si irrigidisce"
Politica / Giorgia Meloni in lacrime: “Non sono omofoba. Da adolescente mi bullizzavano dandomi della cicciona”
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)