Me
HomePolitica

M5S, Di Maio sconfessato dal voto su Rousseau: da Di Battista a Taverna, ecco chi potrebbero essere i suoi successori

Se Di Maio è davvero arrivato al capolinea, ecco chi sono le figure più accreditate come successori del leader pentastellato: si tratta di Paola Taverna e Alessandro Di Battista

Di Donato De Sena
Pubblicato il 22 Nov. 2019 alle 12:58 Aggiornato il 22 Nov. 2019 alle 13:09
Immagine di copertina

M5S, Di Maio sconfessato da voto Rousseau: chi sono i possibili successori

I successori di Di Maio nel M5S. Dopo il voto M5S sulla piattaforma Rousseau che ha sconfessato i vertici del Movimento, con la vittoria dei favorevoli alla presentazione delle liste alle Elezioni Regionali in Emilia Romagna e Calabria, sorgono interrogativi sulla leadership di Luigi Di Maio. Il modo in cui il ministro degli Esteri detta la linea è causa di malumori interni, e già si valuta un piano B per una sua sostituzione in caso di fine anticipata dell’esperienza di governo con il Pd.

Il capo politico è ormai circondato solo dai governisti, ovvero da coloro che lavorano per mantenere vivo l’esecutivo con i Dem e sostenere il lavoro del premier Giuseppe Conte, ma è stato abbandonato da alcuni fedelissimi.

Oggi Repubblica segnala l’allontanamento del sottosegretario Riccardo Fraccaro e del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. È stato il Guardasigilli a portare Conte nel M5S. E proprio lui, Bonafede, a Di Maio avrebbe ricordato: se devo scegliere tra te e lui scelgo lui. “Così si fa chiarezza”, avrebbe commentato Di Maio.

I nomi: Di Battista e Taverna

Secondo il ministro degli Esteri con una rottura della maggioranza di governo lo scettro del Movimento non passerebbe nelle mani di Conte. “In panchina i 5 Stelle hanno un solo uomo: Di Battista. C’è una crisi? Non reggiamo? Allora tocca ad Alessandro”, è la frase di Di Maio riportata da Repubblica.

Ma chi sono le figure più accreditate come successori dell’attuale leader pentastellato? I nomi che circolano in queste ore sono due. Oltre a quello di Di Battista, si parla di un altro esponente storico del Movimento, Paola Taverna, come riportato in un articolo del Fatto Quotidiano.

A guardare i regolamenti, la successione di Di Maio dovrebbe spettare al senatore Vito Crimi, attualmente presidente del collegio di garanzia del M5S. Ma Di Battista e Taverna vengono considerati in campo come i due protagonisti della vera partita per diventare capo politico.

Con Di Battista certamente verrebbe confermato il patto di ferro tra i due giovani leader.

Leggi anche:

Voto Rousseau sulle regionali, Di Maio: “Il M5S è in difficoltà, lo ammetto”

Di Maio dopo il voto su Rousseau: “Alle regionali dobbiamo correre da soli”. Domani confronto con i responsabili locali del M5S