Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

M5S, Di Maio sconfessato dal voto su Rousseau: da Di Battista a Taverna, ecco chi potrebbero essere i suoi successori

Immagine di copertina

Se Di Maio è davvero arrivato al capolinea, ecco chi sono le figure più accreditate come successori del leader pentastellato: si tratta di Paola Taverna e Alessandro Di Battista

M5S, Di Maio sconfessato da voto Rousseau: chi sono i possibili successori

I successori di Di Maio nel M5S. Dopo il voto M5S sulla piattaforma Rousseau che ha sconfessato i vertici del Movimento, con la vittoria dei favorevoli alla presentazione delle liste alle Elezioni Regionali in Emilia Romagna e Calabria, sorgono interrogativi sulla leadership di Luigi Di Maio. Il modo in cui il ministro degli Esteri detta la linea è causa di malumori interni, e già si valuta un piano B per una sua sostituzione in caso di fine anticipata dell’esperienza di governo con il Pd.

Il capo politico è ormai circondato solo dai governisti, ovvero da coloro che lavorano per mantenere vivo l’esecutivo con i Dem e sostenere il lavoro del premier Giuseppe Conte, ma è stato abbandonato da alcuni fedelissimi.

Oggi Repubblica segnala l’allontanamento del sottosegretario Riccardo Fraccaro e del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. È stato il Guardasigilli a portare Conte nel M5S. E proprio lui, Bonafede, a Di Maio avrebbe ricordato: se devo scegliere tra te e lui scelgo lui. “Così si fa chiarezza”, avrebbe commentato Di Maio.

I nomi: Di Battista e Taverna

Secondo il ministro degli Esteri con una rottura della maggioranza di governo lo scettro del Movimento non passerebbe nelle mani di Conte. “In panchina i 5 Stelle hanno un solo uomo: Di Battista. C’è una crisi? Non reggiamo? Allora tocca ad Alessandro”, è la frase di Di Maio riportata da Repubblica.

Ma chi sono le figure più accreditate come successori dell’attuale leader pentastellato? I nomi che circolano in queste ore sono due. Oltre a quello di Di Battista, si parla di un altro esponente storico del Movimento, Paola Taverna, come riportato in un articolo del Fatto Quotidiano.

A guardare i regolamenti, la successione di Di Maio dovrebbe spettare al senatore Vito Crimi, attualmente presidente del collegio di garanzia del M5S. Ma Di Battista e Taverna vengono considerati in campo come i due protagonisti della vera partita per diventare capo politico.

Con Di Battista certamente verrebbe confermato il patto di ferro tra i due giovani leader.

Leggi anche:
Voto Rousseau sulle regionali, Di Maio: “Il M5S è in difficoltà, lo ammetto”
Di Maio dopo il voto su Rousseau: “Alle regionali dobbiamo correre da soli”. Domani confronto con i responsabili locali del M5S
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S
Politica / Esclusivo TPI – Tutti i (costosissimi) voli privati noleggiati dalla Fondazione Open per Renzi &Co.