Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il M5S contro “La Bestia” di Salvini: “Sponsorizza campagne d’odio rivolte ai minorenni”. Parte l’interrogazione

Immagine di copertina

Oltre 150mila euro sono i soldi spesi in post sponsorizzati dall'ex vicepremier leghista e dalla sua "macchina del consenso" social. Inserzioni che si rivolgono a un pubblico vasto e che arrivano anche ai minorenni. A puntare il dito contro il particolare inquietante il sottosegretario all’Istruzione Lucia Azzolina (M5S)

La Bestia è affamata e ora cerca nuove prede. Nelle ore in cui trapelano indiscrezioni sull’audizione di Giuseppe Conte al Copasir del 23 ottobre scorso, in cui il premier avrebbe parlato di “campagne di ingerenza e disinformazione nelle dinamiche politiche del nostro Paese” condotte dalla Russia di Putin, un nuovo servizio di Report torna sulla macchina social di Matteo Salvini, la famigerata “Bestia”, mostrando i tanti soldi spesi nell’ultimo anno in post sponsorizzati (140mila euro nel giorno cui viene mandato in onda il servizio) dall’ex Ministro dell’Interno.

Inserzioni che si rivolgono a un pubblico vasto e che – a differenza di quelle di tutti gli altri politici – arrivano anche ai minorenni. A puntare il dito contro il particolare inquietante il sottosegretario all’Istruzione Lucia Azzolina (M5S), che in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook mostra un estratto della trasmissione in cui viene presentato un post sponsorizzato dal titolo “Occhio alle tasse del golosastro” rivolto principalmente a un pubblico di una fascia d’età compresa tra i 13 e i 17 anni. Il post parla della possibilità che il Governo introduca in finanziaria la “sugar tax”, proposta al popolino come “tassa sulle merendine”.

E ancora: un altro post passato al setaccio dalla trasmissione televisiva, è stato promosso dal capo del Carroccio con 50mila euro di sponsorizzazione e uno dei target – anche in questo caso – erano i minorenni dai 13 ai 17 anni. Insomma, ormai saturato il pubblico dei 50-60enni aspiranti Rambo che gridano “prima gli italiani” senza saper scrivere in italiano e quello delle simpatiche nonnine che, tra una crostata alle mele e una foto di teneri gattini, augurano a dei bambini del Gambia o del Senegal di diventare cibo per pesci, lo staff della comunicazione di Salvini punta dritto sui nipoti, per indottrinare gli elettori di domani a colpi di odio.

“Come mai la Lega prima chiede di restituire in parecchi anni i 49 milioni di euro perché non ha soldi e poi può permettersi di investire 50mila euro in un unico post?” se lo chiede Lucia Azzolina, raggiunta telefonicamente da TPI, che aggiunge: “In questi giorni Internet ha compiuto cinquant’anni, speriamo che continui ad essere anche nei prossimi cinquanta quello che ci ha permesso di diventare persone libere e creative, non un posto in cui accadono fatti gravi come quelli raccontati da Report“.

A seguito della denuncia del sottosegretario, è partita anche un’interrogazione parlamentare firmata dai deputati M5S Vittoria Casa e Paolo Lattanzio, capogruppo in Commissione Istruzione. Si chiederanno azioni da parte del Governo per contrastare fenomeni di hate speech e istigazione all’odio attraverso i social network.

Nel frattempo, “La Bestia” è stata nutrita con altri 15mila euro di inserzioni solo nell’ultima settimana, tanti soldi investiti in una comunicazione aggressiva che non risparmia i giovanissimi. Una comunicazione che passa sui canali ufficiali (la pagina del leader, quella della Lega e quelle degli eletti) ma anche su gruppi e pagine di sostegno “unofficial” che a loro volta sponsorizzano alcuni contenuti. Insomma, centinaia di migliaia di euro l’anno per una perenne propaganda rivolta a un pubblico dai 13 anni in su. Già, davvero niente male per un partito che ha dovuto rateizzare la restituzione di 49 milioni di euro in ottant’anni di comode rate.

Leggi anche:
Esclusivo TPI: Ecco che fine hanno fatto i 49 milioni della Lega
Come funziona la Bestia, la macchina social di Salvini da 4 milioni di follower
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, oggi quarto scrutinio: in gioco Casini, Draghi e Belloni. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, attesa per la quarta votazione: potrebbe essere quella decisiva
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, oggi quarto scrutinio: in gioco Casini, Draghi e Belloni. Letta: “Non ci sarà un presidente di destra”
Politica / Chi è Sabino Cassese, il possibile candidato a sorpresa per il Quirinale
Politica / Quirinale, attesa per la quarta votazione: potrebbe essere quella decisiva
Politica / RETROSCENA TPI – Berlusconi sente Salvini e Casini: svolta sul Quirinale vicina
Politica / La telefonata tra Berlusconi e Boschi: “Vorrei essere più giovane per poterla corteggiare”
Politica / Quirinale, Letta avvisa: “Candidare la Casellati è il modo più diretto per far saltare tutto”
Politica / Di Maio: “Se il centrodestra propone un nome divisivo si spacca la maggioranza”
Politica / Chi è Guido Crosetto, il candidato votato da Fratelli d’Italia per il Quirinale
Politica / Renzi: “Il Senato in cambio dei voti alla Casellati? Non faccio scambi. Casini e Draghi restano le scelte migliori”
Politica / La deputata no vax Sara Cunial denuncia Roberto Fico: “Mi impediscono di votare per il Capo dello Stato”