Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Candidati premier M5s e PD: non saranno Di Maio e Zingaretti. “Ecco chi verrà scelto”

Immagine di copertina
Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti

Secondo Repubblica pentastellati e dem vorrebbero puntare rispettivamente su Giuseppe Conte e Paolo Gentiloni

Dopo la decisione di Salvini di far cadere il governo, i partiti (tra cui M5s e PD) sono in cerca del candidato premier per le prossime elezioni.

Il problema non si pone per la Lega: Salvini ha già dichiarato di voler correre come premier, aggiungendo di volere “pieni poteri”, una frase che ha fatto molto discutere.

Altra storia per il Movimento Cinque Stelle e per il Partito Democratico. Secondo un retroscena pubblicato oggi da Repubblica, i pentastellati avrebbero già deciso che non sarà Luigi Di Maio il candidato alla premiership.

Al suo posto, lo stato maggiore grillino avrebbe individuato come frontman per le prossime elezioni l’attuale presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

“La variabile più importante ha il nome di Giuseppe Conte. È lui che il Movimento vorrebbe proporre come candidato premier – scrive Repubblica –  È lui che gli addetti ai social stanno testando riportando su tutti i muri le ultime parole da Palazzo Chigi. Perfino gli uomini di Di Maio, che fino a poche settimane fa sibilavano cose come ‘si sta montando la testa’, hanno capito che l’unica carta da giocare è quella di Conte candidato premier e Di Battista volto politico”.

Già, perché nell’operazione verrebbe coinvolto anche Alessando Di Battista. Conte e l’ex deputato M5s andrebbero “a caccia di due elettorati diversi, come vuole la dottrina Casaleggio. Di Battista è già d’accordo, lo farebbe. Il premier, invece, sarebbe fondamentale soprattutto per poter giocare la partita nel campo del centrosinistra”.

Anche nel Partito Democratico è aperto il dibattito sul candidato premier. E anche in questo caso, secondo Repubblica, lo schema sarebbe già abbastanza definito. L’attuale segretario Nicola Zingaretti farebbe solo il “regista”.

Non sarebbe lui, però, a correre per Palazzo Chigi. L’ipotesi più probabile è che i dem puntino sull’ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Non si tratta però dell’unico nome in lizza: avrebbero chance infatti anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala e l’ex ministro Carlo Calenda.

“Il più gettonato come candidato premier della coalizione di centrosinistra è ancora Paolo Gentiloni – scrive Repubblica – L’ex premier è un supporter di Zingaretti della prima ora, è il consigliere più ascoltato nella rifondazione del partito promessa dal segretario, che a sua volta non ha mai fatto mistero negli scorsi mesi di immaginare un Gentiloni in campo”.

“Ma anche qui, si giura al quartiere generale dem, i giochi non sono chiusi. Tra i possibili candidati premier del centrosinistra c’è anche Beppe Sala. Il sindaco di Milano è una figura nuova, non un politico di professione, con un seguito civico. Ha detto di volersi impegnare a livello nazionale e, se chiamato, probabilmente non si sottrarrebbe. E poi c’è Carlo Calenda, neo eurodeputato dem, ex ministro dello Sviluppo economico. Durante la campagna elettorale per le Europee, ha raccolto migliaia di consensi”.

Il PD potrebbe decidere di organizzare delle primarie, ma il tempo stringe, e la decisione potrebbe essere presa dall’Assemblea.

Crisi di governo: cosa succede ora? Tutti i prossimi passaggi, dallo scioglimento delle camere alle possibili date delle elezioni

Ti potrebbe interessare
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Ti potrebbe interessare
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale
Politica / Il social media manager di Taffo scende in campo per Roma: “Le nostre idee per migliorare la città”
Politica / Se non ci fosse Michetti bisognerebbe inventarlo
Politica / Cingolani: “Nel prossimo trimestre le bollette aumenteranno del 40%”