Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Lombardia, polemica sulla Regione che taglia i fondi per i disabili gravi: “Ci adeguiamo a norme dello Stato”

Immagine di copertina

Lombardia, la Regione taglia i fondi per i disabili gravi: è polemica

È polemica in Lombardia per il taglio dei fondi regionali per i disabili gravi varato con una delibera dalla giunta leghista guidata dal governatore Attilio Fontana. E mentre in consiglio regionale si alimenta il gioco degli attacchi incrociati tra maggioranza e opposizione, ieri sera – 14 gennaio 2020 – in due mozioni è stato chiesto alla giunta di tornare sui propri passi e garantire la stessa assistenza di prima alle circa 7mila famiglie lombarde con un disabile grave a carico.

Tutto è partito da una delibera, la numero 2720 del 23 dicembre scorso, nella quale la giunta a trazione leghista ha delineato il Piano regionale per la non autosufficienza 2019-2021: nel provvedimento, sono stati modificati (al rialzo) i requisiti per ottenere i fondi. Con la conseguenza che, come denunciato dal consigliere Pd Gian Antonio Girelli, da febbraio 2020 si rischia il taglio per i sussidi ai disabili in condizioni di grave difficoltà.

Nonostante il calo dei fondi sia un dato di fatto, che secondo le stime di Business Insider porterà a un taglio del 60 per cento in due anni per ogni famiglia con disabile a carico, l’assessore leghista con delega alla Disabilità Stefano Bolognini respinge le accuse dell’opposizione. “Ci siamo adeguati a una norma statale”, ha detto.

Nei mesi scorsi, il governo Conte ha messo a disposizione nuovi fondi per la disabilità, che alla Regione Lombardia sono fruttati 91 milioni di euro al posto dei precedenti 70. Allo stesso tempo, p stato stabilito che ad ogni nucleo con disabili gravissimi spettino 400 euro. Un tentativo di dare maggiore assistenza ai cittadini in quelle regioni che, invece, fornivano sussidi minori. Il problema è che la Lombardia figurava invece tra le regioni che erogavano più di 400 euro e adesso, in ottemperanza alla decisione dell’esecutivo, ha abbassato i fondi. E non sono mancate le polemiche.

La nuova delibera della giunta lombarda, infatti, prevede una soglia di reddito Isee di 50mila euro per percepire i fondi in caso di disabili gravissimi (cosiddetta misura B1), mentre il contributo minimo mensile viene abbassato da 900 a 400 euro. Gli altri 500 euro scattano solo se il cittadino assume un badante con un orario settimanale obbligatorio non inferiore a 40 ore.

Leggi anche:
L’Italia nega l’erotismo ai disabili: genitori costretti a masturbarli e ad accompagnarli dalle prostitute
Anche i disabili hanno diritto al sesso: “La prima volta”, il crowdfunding per abbattere il tabù
Quindici motivi (quasi seri) per cui un disabile ha bisogno di una carrozzina nuova (di Iacopo Melio)
Matteo, 39 anni, disabile: “L’amore, l’intimità e il sesso non si comprano ma anche io ne ho diritto”
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato