Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Lega e M5s votano contro l’ordine del giorno sullo sgombero immediato di Casapound

Immagine di copertina

Lega e M5s votano contro l’ordine del giorno sullo sgombero immediato di Casapound

Il Partito democratico ha presentato un ordine del giorno alla Camera dei deputati sullo sgombero immediato di Casapound.

L’odg ha ottenuto 111 voti favorevoli, 362 contrari. A votare contro sono stati i deputati della Lega e del M5s.

Il primo firmatario dell’ordine del giorno era Luciano Nobili, intervenuto in aula per presentarlo.

“Non si capisce perché questo governo, che nella sua neolingua continua a utilizzare la parola sicurezza, non si occupi dello sgombero di Casapound, che è un’organizzazione che si ispira al partito fascista, nel pieno centro di Roma”, ha detto Nobili.

Nella giornata di ieri, la sindaca di Roma, Virginia Raggi si era recata nella sede del movimento di estrema destra, al civico 8 di via Napoleone III con il provvedimento per la rimozione della scritta dalla facciata dello stabile del Demanio.  Nonostante questo M5s ha votato contro lo sgombero di CasaPound.

L’edificio occupato da Casapound non è nella lista degli sgomberi previsti per il 2020. In seguito al decreto sicurezza sono 23 gli immobili della Capitale occupati e sui quali gravano decreti di sgombero contenuti nel Programma degli interventi approvato dal Prefetto di Roma. Gli sgomberi partiranno dalla primavera del 2020. Il Viminale ha sottolineato che l’elenco potrà essere aggiornato.

La sindaca della Capitale, Virginia Raggi, ha fatto sapere che se anche lo stabile di Via Napoleone III non compare nell’elenco, l’iter per lo sgombero è già stato avviato dall’agenzia del demanio.

Sono 82 attualmente nel territorio di Roma gli edifici occupati abusivamente da oltre 11mila persone. Tra gli edifici presenti in lista c’è l’ex manicomio di Monte Mario, la Casa delle donne Lucha Y Siesta , in via Lucio Sestio, e una serie di centri sociali, come Strikers, Spazio 32, BAM e Acrobax. Qui il piano completo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Esclusivo TPI: Verdi e Sinistra Italiana pronti a fondersi in un nuovo partito
Politica / Sicilia, sempre più concreta l’ipotesi primarie Pd-M5S-Sinistra: sarebbe la prima volta
Politica / Stipendio raddoppiato all’amico di Brunetta
Ti potrebbe interessare
Politica / Esclusivo TPI: Verdi e Sinistra Italiana pronti a fondersi in un nuovo partito
Politica / Sicilia, sempre più concreta l’ipotesi primarie Pd-M5S-Sinistra: sarebbe la prima volta
Politica / Stipendio raddoppiato all’amico di Brunetta
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”