Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Lega, Giorgetti scettico sulla linea di Salvini: sotto accusa l’alleanza con Orban e le critiche al Governo

Immagine di copertina

Un Giancarlo Giorgetti sempre più insofferente nei confronti di Matteo Salvini. Sarebbe questo, secondo le indiscrezioni delle ultime ore, l’ambiente che si respira in casa Lega. Secondo un retroscena di Repubblica, il ministro dello Sviluppo Economico non avrebbe affatto gradito il tentativo di Salvini di costruire un asse in Europa con la Polonia e l’Ungheria di Orban. Da tempo, infatti, Giorgetti guida il fronte del Carroccio che preme per una svolta europeista.

Da ministro, lo stesso Giorgetti sta provando a tessere una tela con le aziende francesi e tedesche. Un disegno che rischia di disfarsi se il suo partito viene percepito nuovamente come sovranista e dunque inaffidabile a livello europeo. Per queste ragioni Giorgetti, che aveva guardato con fiducia all’apparente svolta europeista di Salvini nei primi giorni del Governo Draghi, ora è preoccupato per questo rigurgiti sovranisti del suo leader.

Ma non c’è solo la questione Europa ad agitare le acque nella Lega. Anche le ultime uscite di Salvini sulle riaperture, le sue critiche a Speranza e indirettamente anche alla linea rigorista di Draghi, non sono piaciute a una fetta consistente del suo partito. Anche i governatori leghisti del Nord, da Zaia a Fedriga, ritengono infatti che in questa fase sia necessaria la massima prudenza.

Più in generale, l’idea di una Lega di governo ma anche di lotta, che sta nell’esecutivo ma lo critica, non sembra essere apprezzata da diversi big del partito, che ora cominciano a mettere in questione la strategia complessiva adottata da Salvini e si chiedono se sia opportuno, con i contagi ancora così alti, premere sulla questione delle riaperture.

Leggi anche: Salvini: “La sinistra è ossessionata da me. Parlerò con Draghi di riaperture”

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”