Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Chi ha votato Lega alle europee: giovani, donne, delusi dai Cinque Stelle

Immagine di copertina
Luigi Di Maio e Matteo Salvini

Le elezioni europee sono state un trionfo per la Lega e una catastrofe per il Movimento Cinque Stelle.

Il Carroccio, come abbiamo analizzato in questo articolo, ha guadagnato ben 3,4 milioni di voti rispetto alle politiche del 2018, mentre i pentastellati hanno perso 6 milioni di consensi.

Il travaso di voti verso il partito di Matteo Salvini può essere analizzato più nel dettaglio attraverso lo studio condotto da SWG.

L’istituto demoscopico evidenzia come tra tutti gli elettori leghisti alle europee, il 52 per cento provenga da chi aveva già votato Lega nel 2018. Il 17 per cento, invece, aveva votato Cinque Stelle, il 14 per cento non si era recato alle urne alle politiche e il 10 per cento aveva scelto Forza Italia.

Quanto alle aree geografiche, nel Nord Ovest la Lega è cresciuta del 15 per cento, passando dal 25 al 40. Dati simili nel Nord Est, con una crescita dal 25 al 41 per cento.

Raddoppio dei voti per Salvini nel Centro Italia: dal 15 al 33 per cento. Al Sud e nelle isole i voti sono addirittura quadruplicati, passando dal 6 al 23 per cento.

Il Carroccio è stato premiato anche dai giovani: 11 punti percentuali in più tra i nati dal 1980 al 1996. I millennials bastonano invece i Cinque Stelle, che perde in questa fascia di età ben 16 punti.

Ancora peggio per i grillini tra i nati dopo il 1997: meno 25 per cento (+21 per cento invece per la Lega). Tornando al partito di Salvini, ottimo il dato anche tra le donne: +17 per cento (meno 14 per cento per i pentastellati).

Un dato molto rilevante è quello del successo della Lega tra le fasce meno abbienti della popolazione. Il partito di Salvini guadagna ben 18 punti percentuali tra chi ha un reddito basso, mentre il Movimento Cinque Stelle ne perde 17 (+9 per cento per il Partito Democratico).

Il Carroccio fa registrare anche un ragguardevole +29 per cento tra gli operai (-20 per cento per i Cinque Stelle) e un +12 per cento tra i professionisti (-13 per cento per i grillini).

Più della metà degli elettori della Lega non va oltre la licenza media: i dati
Ti potrebbe interessare
Economia / Il governo attacca Banca d’Italia dopo le critiche alla manovra. Fazzolari: “Esprime la visione delle banche”
Politica / Salvini contro lo stop Ue alle auto a benzina e diesel dal 2035: “Da rivedere, non ha senso”
Economia / Legge di bilancio: Banca d’Italia boccia proposte su contante, tregua fiscale e flat tax
Ti potrebbe interessare
Economia / Il governo attacca Banca d’Italia dopo le critiche alla manovra. Fazzolari: “Esprime la visione delle banche”
Politica / Salvini contro lo stop Ue alle auto a benzina e diesel dal 2035: “Da rivedere, non ha senso”
Economia / Legge di bilancio: Banca d’Italia boccia proposte su contante, tregua fiscale e flat tax
Politica / Elly Schlein scioglie la riserva e si candida alla segreteria del Pd: “Diseguaglianze, clima e precarietà siano le priorità”
Politica / Obbligo di Pos sopra i 60 euro, Meloni: “Per i piccoli importi incide tantissimo sui commercianti”
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”