Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“La Lega ha investito 300mila euro in bond di Arcelor Mittal”

Immagine di copertina
Matteo Salvini e il logo di Arcelor Mittal

Il partito di Salvini nel mirino del Movimento 5 Stelle per i buoni rapporti con la multinazionale che vuole abbandonare l'ex Ilva di Taranto

La Lega e Arcelor Mittal: 300mila euro di bond e buoni rapporti

Spunta un singolare legame tra il partito più votato d’Italia, la Lega di Matteo Salvini, e l’azienda Arcelor Mittal, che pochi giorni fa ha annunciato l’addio all’acquisizione dello stabilimento ex Ilva di Taranto. Il Carroccio avrebbe comprato bond del colosso industriale dell’acciaio per 300mila euro e conservato buoni rapporti con i vertici della multazionale.

La notizia delle obbligazioni è stata pubblicata nei mesi scorsi sull’Espresso dai giornalisti d’inchiesta Giovanni Tizian e Stefano Vergine, gli autori de Il Libro Nero della Lega e i primi a parlare della trattativa a Mosca per far arrivare fondi russi al partito italiano. Ieri è stata rilanciata dal viceministro M5S allo Sviluppo economico, Stefano Buffagni, seguito poi a ruota da altri parlamentari pentastellati.

“In Italia – ha scritto su Facebook – i contratti si rispettano, a maggior ragione una multinazionale come Arcelor Mittal che non è stata in grado di seguire il piano industriale con il quale ha vinto la gara gestita dal fenomeno di Renzi e sulla quale abbiamo anche migliorato le condizioni! La Lega che ha finanziato anche Arcelor Mittal con un bond da 300mila euro mi auguro pensi a difendere gli italiani e non le multinazionali!”.

Stando a quanto emerso finora, il Carroccio, sotto la guida di Salvini, ha investito in titoli negli anni scorsi 1,2 milioni di euro. E tra figurerebbero anche i 300mila euro di obbligazioni della multinazionale franco-indiana che ha acquistato lo storico stabilimento Ilva.

Sul web e in particolare sui social newtork viene condivisa in queste ore l’immagine di un documento, uno scambio mail, che ha come mittente un indirizzo di posta elettronica di Banca Unicredit e come destinatario uno della Lega, con informazioni sugli investimenti effettuati dal partito. Le informazioni fornite riguardano il 2014 e riguardano anche obbligazione estere, con il bond da 300mila euro in favore di Ancelor Mittal.

Ex Ilva, Conte: “Sì del governo a scudo penale, ma no ai 5mila esuberi richiesti da Arcelor Mittal”

Matteo Salvini ha preferito non fornire alcuna risposta sulla vicenda. “Io non mi occupo di Borsa ma di politica”, ha detto il senatore provando ad allontanare i sospetti. Ma non ha risposto nemmeno il tesoriere Giulio Centemero.

Gli interrogativi restano. E fanno riemergere le posizioni che la Lega ha assunto per 14 mesi sull’ex Ilva quando era al governo con il Movimento 5 Stelle.

Come ricostruisce Repubblica, ci sarebbe una relazione ben più strutturata tra il partito e Arcelor Mittal che al ministero dello Sviluppo economico conoscono bene. Durante il governo Conte 1 parlamentari ed esponenti del governo leghisti si interessavano alla questione Taranto e caldeggiavano le posizioni della multinazionale. L’azienda si era aggiudicata l’asta con il governo Gentiloni, ma era comunque spiazzata dal nuovo esecutivo, e in particolare da Luigi di Maio, ministro portatore delle posizioni del Movimento 5 Stelle.

Al Mise, continua Repubblica, ricordano come in più occasioni il sottosegretario leghista ai Trasporti Edoardo Rixi si spendesse anche pubblicamente per la causa di Arcelor Mittal. E rappresentanti dell’azienda avrebbero incontrato anche il vicepremier Salvini. Il sottosegretario Giancarlo Giorgetti avrebbe avuto un rapporto privilegiato con l’amministratore delegato Samuele Pasi. Tra l’altro a luglio del 2018 la multinazionale dell’acciaio ha scelto a capo della sua comunicazione una professionista nota alla Lega, l’ex portavoce di Roberto Maroni Patrizia Carrarini.

Ti potrebbe interessare
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Ti potrebbe interessare
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani
Politica / A cena con Matteo? “Costa 20mila euro”
Politica / Chi paga Renzi? Bonifici per 2,6 milioni di euro da Arabia Saudita, Benetton e società di investimenti
Cronaca / Mattarella: “Violenza contro le donne è un fallimento della nostra società”
Politica / Nomine, affari e potere: il grande risiko delle poltrone nelle carte dell’inchiesta Open
Politica / Inchiesta Fondazione Open: gli affari segreti, gli indagati, i finanziatori e tutto quello che c’è da sapere
Politica / “Quella testa di c**zo di Piacenza”: così l’imprenditore renziano parlava di Bersani