Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Governo, Meloni e Lega: “Elezioni subito”. Di Maio e Tajani: “Grave non votare la fiducia”

Immagine di copertina

Per Giorgia Meloni bisogna andare subito al voto. Lo ha scritto su Facebook al termine di una serata ricca di tensioni che ha visto il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, aprire la strada alla crisi di governo. Domani, infatti, il M5s non voterà la fiducia sul dl Aiuti e il premier Mario Draghi potrebbe rassegnare le dimissioni. “Il governo dei migliori è immobile, alle prese con i giochi di palazzo di questo o quel partito. Basta, pietà. Tutti a casa: elezioni subito”, così su Facebook la leader di Fratelli d’Italia. Anche secondo la Lega bisogna andare al voto: “Se i 5 Stelle escono dall’Aula la maggioranza non c’è più: basta con litigi, minacce e ritardi, parola agli italiani”.

Nella serata di ieri, c’è stata una telefonata tra Silvio Berlusconi e Matteo Salvini per commentare quanto stava accadendo e per ribadire “piena sintonia”. I due leader si risentiranno nella giornata di oggi, 14 luglio.

Nel frattempo, su Twitter, il numero due di Forza Italia ha scritto che “la decisione del M5s di non partecipare domani al voto di fiducia sul dl Aiuti è un atto di grave irresponsabilità assunto, per interessi di parte, in uno dei momenti più difficili dell’Italia. Dopo Mario Draghi non sosterremo alcun governo”.

Anche Luigi Di Maio pone l’accento sulla “gravità” della “decisione dei 5 Stelle”: “Non votare la fiducia al governo è un fatto grave, è doverosa una verifica di maggioranza. Una crisi di governo nel bel mezzo di una guerra è un chiaro atto di irresponsabilità, così si condanna il Paese al baratro”, ha fatto sapere in una nota il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale.

Per Enrico Letta è necessario chiedere una verifica per capire se la maggioranza ci sia ancora. E così alla Festa regionale dell’Unità a Melzo ha detto: “La scelta annunciata da Conte e dal M5s rimette in discussione molte cose, e in una maggioranza così eterogenea ci sono dei distinguo. Ma io non mi preoccupo, esiste il voto di fiducia che è fondamentale. Chiederemo di fare una verifica per capire se questa maggioranza c’è ancora o no”.

Anche Carlo Calenda ha affidato ai social un commento. Per il leader di Azione non c’è bisogno di “correre alle elezioni in mezzo a una crisi che diventerebbe subito uno tsunami”. E ha ribadito la linea del suo partito: “avanti con Draghi senza 5 stelle fino alla fine della legislatura”. Su Twitter e su Facebook è tornato anche su Conte: “Si accinge a far cadere un governo presieduto dall’italiano più autorevole nel mondo in mezzo a una guerra” sottolineando che “rimane la soddisfazione di essere tra i pochi partiti a non averci mai avuto nulla a che fare”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni 2022, De Masi smentisce le voci su una possibile candidatura: “Non correrò con M5S”
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni 2022, De Masi smentisce le voci su una possibile candidatura: “Non correrò con M5S”
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Politica / Morgan: “Sono anarchico, non fascista. Ho scritto alla Meloni perché non è snob”
Politica / Jova Beach Party, Salvini difende Jovanotti: “Va premiato, polemiche pseudo-ambientaliste”
Politica / Elezioni, l’ex procuratore antimafia De Raho tra i candidati sul tavolo di Conte
Politica / Renzi spera nel Terzo Polo ed è pronto a cedere il ruolo di leader a Calenda
Politica / Giorgia Meloni: “Morgan? Ogni tanto ci sentiamo, ma non sta scrivendo il programma di Fratelli d’Italia”