Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Giorgia Meloni: “Draghi ha chiesto pieni poteri: pericolosa deriva da autocrazia. Elezioni subito”

Immagine di copertina

“Draghi arriva in Parlamento e di fatto pretende pieni poteri, sostenendo che glielo hanno chiesto gli italiani. Ma in una democrazia la volontà popolare si esprime solo con il voto, non sulle piattaforme grilline o con gli appelli del PD”, lo ha dichiarato Giorgia Meloni dopo il discorso pronunciato dal presidente del Consiglio Mario Draghi in Senato per spiegare i motivi delle dimissioni rassegnate venerdì scorso e chiedere ai partiti di rinnovare con convinzione il patto di fiducia per proseguire l’azione di governo.

Secondo Meloni “sono le autocrazie che rivendicano di rappresentare il popolo senza bisogno di far votare i cittadini, non le democrazie occidentali”. “Fratelli d’Italia non intende assecondare questa pericolosa deriva. Decidano gli italiani del proprio futuro, non questo Parlamento delegittimato e impaurito. Elezioni subito”, ha scritto la leader di Fratelli d’Italia sui social.

Nell’intervento di oggi il premier ha ribadito i paletti imprescindibili che dovrebbero continuare a tenere in piedi l’azione dell’esecutivo per arrivare alla fine della legislatura senza ricorrere al voto anticipato: convinto atlantismo, sostegno all’Ucraina tramite l’invio di armi, rigassificatore per mettere in sicurezza il Paese dagli shock energetici ma anche transizione ecologica. Su alcuni dei punti materia del contendere con il M5S – salario minimo e reddito di cittadinanza – il premier ha mostrato una certa apertura ribadendo però che la misura di sostegno alla povertà varata dal governo giallo-verde dovrà essere rivista per “ridurre gli effetti negativi sul mercato del lavoro”. Diversi anche i riferimenti alle richieste della Lega.

Draghi ha sottolineato come negli ultimi mesi l’intesa trovata a marzo 2021 si sia sgretolata su alcuni nodi centrali: le concessioni balneari, la riforma delle pensioni, le discussioni sul sostegno militare all’Ucraina e infine il dl aiuti. Ma per il premier “all’Italia non serve una fiducia di facciata che svanisca davanti ai provvedimenti scomodi”, serve cioè un sostegno convinto da parte di tutti i partiti, che devono accettare di stare al governo solo se intendono seguire la roadmap tracciata nel corso dei mesi e illustrata oggi in Senato.

Ti potrebbe interessare
Politica / Altro che largo ai giovani: 5 milioni di fuorisede non potranno votare, ma la politica non cambia la legge
Politica / Renzi: “Letta alla Nato? Così ci ritroviamo i russi in Portogallo”
Politica / "Programma per l'Italia": il piano del centrodestra per governare
Ti potrebbe interessare
Politica / Altro che largo ai giovani: 5 milioni di fuorisede non potranno votare, ma la politica non cambia la legge
Politica / Renzi: “Letta alla Nato? Così ci ritroviamo i russi in Portogallo”
Politica / "Programma per l'Italia": il piano del centrodestra per governare
Politica / “La sinistra imbarca la Cucchi e l’ivoriano”: polemiche per il titolo di Libero su Aboubakar Soumahoro
Politica / Calenda: “Patto con Renzi durerà”. E Conte: “È il momento di abbracciare il Rinascimento saudita”
Politica / Quando Calenda diceva: “Del centro di Renzi non me ne frega nulla, quel modo di fare politica mi fa orrore” | VIDEO
Politica / "Anche in politica servono gli assist": l'annuncio social di Renzi
Politica / M5S, Virginia Raggi: “Io candidabile, il mio no è per le future alleanze”
Politica / Elezioni, Bettini: “Il Pd deve guardare al 50% che non vota. Conte ha sbagliato ma dopo le elezioni si vedrà”
Politica / Accordo Renzi-Calenda, nasce il Terzo Polo: "Noi alternativi al bipopulismo"