Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Giusy Occhionero, deputata di Italia Viva, indagata per falso

Immagine di copertina

La parlamentare di Italia Viva ed ex Leu avrebbe fatto passare Antonello Nicosia, poi arrestato per mafia, per suo assistente, consentendogli di entrare nelle carceri. Lì Nicosia, sfruttando le visite ai detenuti, avrebbe portato all'esterno gli ordini dei boss

Giusy Occhionero, deputata di Italia Viva, indagata per falso

La deputata di Italia Viva ed ex di Liberi e Uguali, Giuseppina Occhionero (detta Giusy) è indagata per falso in concorso dalla procura di Palermo. L’accusa, nei suoi confronti, è di aver dichiarato che Antonello Nicosia, membro del partito Radicale arrestato per mafia (e ora indagato per falso in concorso aggravato), fosse il suo assistente, formalizzando però il loro rapporto di collaborazione sono in un secondo momento.

Così, la parlamentare dovrà comparire settimana prossima davanti ai pm in merito al suo coinvolgimento nell’inchiesta. Nelle scorse settimane, proprio Nicosia era stato arrestato con l’accusa di associazione mafiosa: in virtù del rapporto con Giusy Occhionero, infatti, Nicosia aveva libero accesso alle carceri di Palermo, dove incontrava persino capimafia detenuti al 41 bis. Dal carcere, secondo gli inquirenti, portava all’esterno i messaggi dei boss mafiosi. Oltre a progettare estorsioni e omicidi.

Nicosia, secondo i magistrati, “era pienamente inserito nei clan”, al punto da avere rapporti anche con i più stretti collaboratori del superlatitante Mattia Messina Denaro. Insieme a lui, nell’ambito della stessa inchiesta sono stati arrestati il boss di Sciacca Accursio Dimino e due presunti favoreggiatori.

Giusy Occhionero, dopo l’arresto di Nicosia, ha sottolineato di essere totalmente all’oscuro delle attività del suo assistente, che avrebbe agito dunque a sua insaputa. Nonostante ciò è stata sentita dal procuratore aggiunto di Palermo Paolo Guido e dai pm Gery Ferrara e Francesca Dessì come testimone.

Adesso, però, risulta indagata anche lei, per il reato di falso. Le indagini si sono concentrate sulla giornata del 21 dicembre 2018, quando – dopo avuto con Nicosia solo contatti telefonici – Giusy Occhionero è arrivata a Palermo e ha incontrato l’esponente radicale. Insieme, i due hanno subito fatto un’ispezione al carcere Pagliarelli e all’ingresso la deputata ha identificato Nicosia come un suo collaboratore. Il giorno successivo i due hanno fatto, con le stesse modalità, visite nelle carceri di Agrigento e Sciacca.

I pm, tuttavia, hanno accertato che ufficialmente l’esponente del partito Radicale non era un collaboratore di Occhionero, visto che nessun rapporto di lavoro era stato formalizzato.

Ti potrebbe interessare
Politica / Attaccate le sedi diplomatiche italiane a Barcellona e Berlino. Meloni: “Seguiamo con preoccupazione”
Politica / Carcere per i clienti delle prostitute e per chi si apparta in auto: la proposta di legge di Fratelli d’Italia
Politica / Zelensky a Sanremo, da Calenda a Conte si allarga il fronte dei politici contrari
Ti potrebbe interessare
Politica / Attaccate le sedi diplomatiche italiane a Barcellona e Berlino. Meloni: “Seguiamo con preoccupazione”
Politica / Carcere per i clienti delle prostitute e per chi si apparta in auto: la proposta di legge di Fratelli d’Italia
Politica / Zelensky a Sanremo, da Calenda a Conte si allarga il fronte dei politici contrari
Politica / Revelli a TPI: “Meloni sta realizzando una rivoluzione conservatrice mai riuscita a nessuno in Italia”
Politica / Il ministro Valditara premia il merito degli amici suoi
Politica / Giorno della memoria, Meloni: “La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità”
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione
Politica / Decreto Ong: così la Lega punta a far tornare i Decreti Sicurezza
Politica / La Camera blinda la legge sull’aborto: votato un ordine del giorno in difesa della Legge 194
Politica / Caso Regeni, Tajani ribadisce la volontà dell’Egitto di collaborare: “Nessun tentennamento”