Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Con il Germanicum e il taglio dei parlamentari Salvini e Meloni avrebbero la metà dei seggi: la simulazione

Immagine di copertina

Ipotesi maggioranza assoluta per Lega e Fratelli d'Italia

Germanicum, chi vince con la nuova legge elettorale?

Lega e Fratelli d’Italia con la maggioranza assoluta alla Camera: questo sarebbe il risultato se si andasse a votare oggi con il Germanicum, la nuova legge elettorale, e con l’applicazione del taglio dei parlamentari.

Germanicum chi vince, la simulazione

Metà del Parlamento a trazione sovranista: il trionfo (in coppia) di Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Non è fantapolitica, ma il risultato della simulazione del Corriere della Sera in caso di un doppio scenario: voto favorevole al taglio dei parlamentari nel prossimo referendum (da 630 a 400) e passaggio al sistema elettorale cosiddetto “Germanicum” che troverebbe l’intesa tra Pd e M5s.

Se entrambe le condizioni si verificheranno, Lega e Fratelli d’Italia avrebbero da soli la maggioranza alla Camera con 205 seggi. Il centrodestra nel suo complesso avrebbe 234 seggi: 149 della Lega, 56 di Fratelli d’Italia e 29 di Forza Italia), il Pd 96 e i 5 Stelle 65. Solo diritto di tribuna (3 scranni) per i renziani di Italia Viva, sotto la soglia di sbarramento del 5 per cento.

Il nuovo sistema elettorale – va ricordato – è un proporzionale con la soglia di sbarramento al 5 per cento, secondo quanto previsto dalla prima bozza del testo.

Su questa simulazione, però, spiega Nando Pagnoncelli, pesano l’incognita della reazione degli elettori di fronte a unioni non covenzionali e il dato degli indecisi, ancora alto a quota 39 per cento. Peraltro, di fronte a queste simulazioni e sull’onda delle regionali in Emilia Romagna, tutto lascia pensare che l’attuale maggioranza farà carte false per ritardare il più possibile il ritorno alle urne, magari puntando a tirare (a campare) fino al 2023. E in tre anni, “un tempo da era preistorica in politica”, tutto può cambiare.

Gli ultimi sondaggi

I dati considerati sono quelli dei sondaggi Ipsos di dicembre e gennaio e sulla base di quelle cifre Lega e Fratelli d’Italia.

Con questi dati il centrodestra avrebbe 234 seggi su 400, così distribuiti: 149 per la Lega, 56 per Fdi e 29 per Forza Italia.

Il secondo gruppo alla Camera sarebbe il Pd, con 96 deputati. Più indietro il Movimento 5 Stelle, a quota 65. Insieme – le due principali forze dell’attuale maggioranza – arriverebbero a 161 seggi.

A cui aggiungere i 3 deputati di Italia Viva. Numeri non sufficienti per governare, dunque. Per quanto riguarda il partito di Matteo Renzi i tre parlamentari verrebbero eletti grazie al diritto di tribuna, riservato a quei partiti che non superano il 5 per cento nazionale ma che almeno in due regioni e tre circoscrizioni hanno il numero di voti necessari per ottenere il seggio. In Parlamento sparirebbe invece Leu.

Leggi anche:

Legge elettorale, arriva il Germanicum: ecco come funziona il diritto di tribuna

Presentato il testo del Germanicum

Referendum sul taglio dei parlamentari, quattro senatori ci ripensano: slitta il deposito in Cassazione

Tutti i nomi dei parlamentari che hanno firmato per il referendum confermativo

Ti potrebbe interessare
Politica / Le amministrative agitano il centrodestra: i candidati fuggono. E Salvini teme Meloni
Politica / Le grandi città si avvicinano al voto, ma i partiti non riescono a trovare i candidati sindaci
Politica / Salvini: "No a una legge che vuole portare nelle scuole la teoria gender"
Ti potrebbe interessare
Politica / Le amministrative agitano il centrodestra: i candidati fuggono. E Salvini teme Meloni
Politica / Le grandi città si avvicinano al voto, ma i partiti non riescono a trovare i candidati sindaci
Politica / Salvini: "No a una legge che vuole portare nelle scuole la teoria gender"
Politica / Fonti del Governo a TPI: “Letta-Salvini? Scontro finto solo per darsi un’identità, Draghi non rischia nulla”
Politica / Draghi respinge i veti di Salvini: rispetterà gli impegni col Paese e l’Europa e farà le riforme
Politica / Letta risponde a Salvini: “Se dice no a riforme, esca dal governo”
Politica / Speranza: "C'è chi lavora a un governo Meloni-Salvini"
Politica / Salvini rilancia la candidatura di Draghi al Quirinale
Opinioni / Il libro di Giorgia Meloni: ovvero quando la biografia cede il passo alla mistificazione della realtà (di E. Franchin)
Opinioni / Il centrodestra sogna il Corriere della Sera: ecco cosa c’è dietro l’operazione Sallusti-Libero