Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Genitori di Regeni denunciano il governo per la vendita di armi all’Egitto: cosa rischia ora l’Italia

Immagine di copertina
Credits: ANSA/LUCA ZENNARO

I genitori di Giulio Regeni intendono denunciare il governo per l’export di armi verso l’Egitto e violazione della legge 185 del 1990. Ma cosa dice quella legge e a cosa va incontro il Governo? Lo avevamo anticipato in un articolo di giugno 2020. Ecco di cosa si tratta

I genitori di Giulio Regeni intendono denunciare il governo per l’export di armi verso l’Egitto. Claudio e Paola Regeni hanno spiegato di aver presentato un esposto-denuncia contro lo Stato italiano per violazione della legge 185/90 che vieta l’esportazione di armi “verso Paesi responsabili di violazione dei diritti umani accertati dai competenti organi e il governo egiziano è tra questi”. Il riferimento è alla commessa miliardaria che l’Italia ha chiuso con l’Egitto e che prevede la vendita di due fregate multiruolo Fremm, originariamente destinate alla Marina miliare italiana (la Spartaco Schergat e la Emilio Bianchi), ma anche altre quattro navi e 20 pattugliatori (che potrebbero essere costruiti nei cantieri egiziani), 24 caccia multiruolo Eurofighter e altrettanti aerei addestratori M346.

L’Egitto acquista 2 navi militari italiane e tappa la bocca all’Italia sul caso Regeni

Le possibili violazioni di legge
Come spiegava a TPI Andrea Maestri, avvocato cassazionista, ex deputato di Possibile, già membro della Commissione Giustizia della Camera, le possibili violazioni di legge da intercettare nella conclusione dell’accordo sono molteplici. “Se si volesse davvero applicare la legge 185 del 1990 – che regolamenta le esportazioni di armamenti – basterebbe pensare che già di per sé la legge tende a ricondurre in un ambito molto residuale la produzione di materiale bellico. Addirittura la 185 afferma che l’obiettivo finale dovrebbe essere la riconversione di queste industrie per arrivare a quel pieno rispetto dei principi contenuti nella nostra Costituzione, a cominciare dall’articolo 11 e dal ripudio della guerra e della violenza come metodo di risoluzione delle controversie internazionali”.

Violazione della legge 185 del 1990
Bisogna distinguere tre livelli di approfondimento: il primo riguarda la conformità o meno di questa grande commessa militare rispetto alla politica estera italiana, alle alleanza, alle politiche geostrategiche del nostro Paese. “Da questo punto di vista ci sono certamente aspetti che riguardano più che altro la dinamica governo-parlamento e la formulazione di indirizzo politico che prevede un minimo di discrezionalità. Ma nell’articolo 1 della legge 185, al sesto comma, i divieti sulle esportazioni sono espliciti e chiari: entra così in gioco la responsabilità di chi fornisce l’autorizzazione all’esportazione di armamenti al Paese (l’Egitto) che – essendo alleato con i sauditi in guerra con lo Yemen, essendo alleato di Haftar in una guerra civile in Libia – è sicuramente coinvolto in scenari militari bellici, ossa uno degli espressi divieti previsti dalla norma”, spiega Maestri. Questa sarebbe la prima violazione, che non è, appunto, una libera opzione che un governo di destra o di sinistra poteva operare in una direzione piuttosto che in un’altra. Qui siamo in un’esplicita, dolosa violazione di una norma che vieta espressamente di fornire armamenti a un Paese che si trova in una situazione come quella egiziana. Questo espone a sanzioni e a responsabilità i funzionari che autorizzano l’operazione. Secondo Maestri, la questione sarebbe da sottoporre al vaglio della magistratura, in quel caso si potrebbe concretizzare anche l’ipotesi di abuso d’ufficio.

Violazione dei diritti umani
“In questa fattispecie si può far rientrare anche la violazione dei diritti umani: essendo l’Egitto un Paese che viola in maniera conclamata i diritti umani, c’è un espresso divieto di fornire armamenti a Paesi che violino sistematicamente i diritti umani e le convenzioni internazionali in materia”. Questo è il secondo vulnus di palese violazione.

Leggi anche: 1. L’Egitto acquista 2 navi militari italiane e tappa la bocca all’Italia sul caso Regeni; // 2. I genitori di Giulio Regeni denunciano il governo per la vendita di armi all’Egitto
Ti potrebbe interessare
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Ti potrebbe interessare
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”