Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Lascio il M5S e vado da Renzi: nel Movimento la democrazia è un problema”: la senatrice Vono a TPI

Intervista alla senatrice Gelsomina Vono

La senatrice Gelsomina Vono lascia il Movimento 5 Stelle per aderire al nuovo partito di Matteo Renzi, Italia Viva. TPI l’ha intervistata sulla sua scelta e sulla situazione politica.

Perché questa scelta di aderire a Italia Viva?

È una scelta ponderata e non più procrastinabile per potere veramente adempiere al mandato degli elettori, di tutti i cittadini, nessuno escluso, di contribuire seriamente ad un miglioramento della qualità di vita di tutti noi. Il politico deve lavorare in un’unica direzione che è quella di essere al servizio del paese in modo incondizionato.

Molti sostengono che Renzi possa essere una “spina nel fianco” del governo. Lei si fida della parola data dall’ex presidente del Consiglio?

Io mi fido delle idee che viaggiano attraverso il pensiero libero delle persone. Mi sembra che Matteo Renzi abbia sempre dimostrato di avere delle buone idee, riformiste e di grande coraggio e intelligenza.

Crede che nel M5S ci sia un reale problema di democrazia interna? Cosa non ha condiviso nelle scelte politiche del Movimento?

Penso sinceramente che ci sia un problema di democrazia e una totale assenza di organizzazione e sui territori. Oltre, e questa è la cosa più grave, all’indifferenza, non so se voluta o inconsapevole, al valore del pensiero della persona.

Il passaggio dal Movimento a Renzi da molti viene visto come un “tradimento”. Cosa risponderebbe?

Il tradimento è venir meno al proprio mandato. Io, come tutti i parlamentari, sono stata eletta per lavorare e dare risposte e soluzioni al Paese e ai territori. Penso di aver adempiuto al mandato fin dall’inizio e me lo testimoniano le persone che mi incontrano. Indipendentemente dalla bandiera che sventola. Ricordo ancora che siamo in una repubblica parlamentare dove, proprio a tutela dei cittadini e per garantire la libertà di espressione di tutti noi, c’è l’articolo 67 della Costituzione che esclude il vincolo di mandato.

Vede possibile instaurare un governo di vere riforme con Pd, Italia Viva e M5S?

Spero che si possa lavorare sui contenuti, non con slogan vuoti. E che ognuno si assuma la responsabilità del governo del Paese. Italia Viva sarà presente a sostegno del governo solo per il bene del Paese.

Uno dei capisaldi del M5S è sempre stato il “vincolo di mandato”. Ora è evidente, anche in questa legislatura, che la libertà dei deputati è una pratica costituzionale e in vigore da sempre. Lei cosa ne pensa?

Penso che il vincolo di mandato sia a tutela del diritto dei cittadini di essere degnamente rappresentati. I cittadini conferiscono il mandato a  persone che hanno il dovere di lavorare per gli obiettivi di realizzazione del bene comune e a garanzia della libertà di espressione degli eletti, che devono essere liberi. Ciò comporta anche una forte responsabilità di attuare il mandato indipendentemente da lacci e lacciuoli che possano impedire il percorso.

Un’ultima domanda: se dovesse dare un consiglio a Di Maio e ai suoi ex colleghi cosa direbbe?

Di cominciare a pensare liberamente e di attuare dei confronti col mondo reale. Non siamo tutti tutti e cattivi.

Scalfarotto a TPI: “Sono passato dal Pd Italia a Viva per ritrovare l’entusiasmo della politica”

Di Maio: “È ora di introdurre il vincolo di mandato, ne parlerò con il Pd”, ma Del Rio e Marcucci frenano

Ti potrebbe interessare
Politica / M5s, Azzolina al TPI Fest: “Grillo garante, nessuno ha mai pensato di togliergli ruolo. Conte compreso”
Politica / Grillo: "Conte ti sono utile, lo devi capire. Io garante, non cogl**ne"
Politica / Lo scudo legale è l’apostrofo rosa tra le parole Conte e Grillo
Ti potrebbe interessare
Politica / M5s, Azzolina al TPI Fest: “Grillo garante, nessuno ha mai pensato di togliergli ruolo. Conte compreso”
Politica / Grillo: "Conte ti sono utile, lo devi capire. Io garante, non cogl**ne"
Politica / Lo scudo legale è l’apostrofo rosa tra le parole Conte e Grillo
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Politica / Congedo di paternità, la proposta del Pd: “Portarlo da 10 giorni a 3 mesi”
Politica / Fico risponde al Vaticano sul ddl Zan: “Il Parlamento è sovrano e non accettiamo ingerenze”
Opinioni / Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”
Politica / Draghi in parlamento: "La fiducia sta tornando, ripresa sarà sostenuta"