Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il ministro dell’Istruzione Fioramonti si dimette con una lettera a Conte

Immagine di copertina

La decisione legata al mancato stanziamento in manovra di 3 miliardi per Scuola e Università. Ora Fioramonti potrebbe lasciare il M5S e fondare un gruppo autonomo in parlamento continuando a sostenere il Governo Conte

Fioramonti: dimissioni con una lettera a Conte

Lorenzo Fioramonti rassegna le dimissioni dalla carica di ministro dell’Istruzione. Nella serata del 25 dicembre Fioramonti ha consegnato al premier Giuseppe Conte la lettera con cui annuncia il proprio passo indietro. La notizia è stata confermata da fonti di Palazzo Chigi.

La decisione, di cui si parlava già da alcuni giorni, è legata al mancato stanziamento in legge di Bilancio dei fondi attesi per l’Istruzione. Fioramonti aveva minacciato di dimettersi se in manovra non fosse stato inserito uno stanziamento minimo di 3 miliardi di euro, a fronte di un fabbisogno reale che stimava in 24 miliardi. Alla fine, invece, alla scuola sono stati destinati 2 miliardi. E così il ministro ha deciso di lasciare.

Secondo quanto riferiscono diverse fonti di maggioranza, a questo punto Fioramonti potrebbe lasciare il suo Movimento 5 Stelle per fondare un gruppo parlamentare autonomo, continuando a sostenere il governo, come embrione di un nuovo soggetto politico.

Alla vigilia di Natale il leader della Lega, Matteo Salvini, aveva sfidato l’ormai ex ministro dicendo: “Speriamo che almeno uno mantenga la parola. Aveva detto che se non ci sarebbero stati 3 miliardi di investimento si sarebbe dimesso. Ministro Fioramonti, dimettiti e togli il disturbo”.

 

Leggi anche:
“Ecco perché le lobby vogliono impedire la tassa sulle merendine che ho proposto”: il ministro Fioramonti parla a TPI
Il ministro Fioramonti: “La storia a scuola non sia come il Trono di Spade, incoraggia la violenza”
Altro che nuovi fondi, il governo taglia i soldi per la scuola e le università
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto da Fdi come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto da Fdi come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri
Politica / Chi è Elisabetta Belloni e perché potrebbe essere la prima donna presidente (del Consiglio o della Repubblica)
Politica / Elezione del Presidente della Repubblica diretta tv e live streaming: dove vedere le votazioni live
Politica / A che ora è l’elezione del Presidente della Repubblica: l’orario delle votazioni
Politica / Quirinale, iniziate le votazioni. Meloni: "Propongo il nome di Carlo Nordio". Incontro Draghi-Salvini, nel pomeriggio il leader della Lega vede Letta e Conte
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Quirinale, nel centrosinistra si fa largo il nome di Riccardi. Ipotesi scheda bianca al primo voto