Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Ferrara, il sindaco leghista Alan Fabbri compra 385 crocifissi per le scuole

Immagine di copertina

Dopo 70 anni di amministrazione del centrosinistra, a giugno il centrodestra ha vinto le elezioni a Ferrara, che ora è governata da un sindaco della Lega

Ferrara, il sindaco leghista Alan Fabbri compra 385 crocifissi per le scuole

Il Comune di Ferrara, guidato da giugno dal sindaco leghista Alan Fabbri, ha ordinato 385 crocifissi per le scuole. A dare la notizia è il quotidiano Il Resto del Carlino, che spiega come l’amministrazione, in vista dell’avvio dell’anno scolastico, abbia voluto dotare dell’arredo le scuole di sua proprietà, dopo aver fatto un censimento sul numero di aule sprovviste.

“Senza fare clamore posizioniamo un crocifisso”, ha detto il primo cittadino, che dice di essere un “non praticante”, e di aver compiuto la stessa scelta anche quando guidava il Comune di Bondeno. “Crediamo sia simbolo, oltre che religioso, di identità storico-culturale, di pace e di amore, aperto a tutti e legato alle nostre radici cristiane e al rispetto delle tradizioni”.

Alan Fabbri spiega di aver deciso di agire “in questo momento in cui le scuole sono chiuse e nel silenzio per evitare strumentalizzazioni, attacchi o esaltazioni”.

La spesa complessiva, secondo il quotidiano, è stata di 1.703 euro per acquistare un ‘modello base’ con croce in legno e corpo in lega di metallo argentata.

A Ferrara, dopo 70 anni di governo del centrosinistra, a giugno il centrodestra ha vinto le elezioni amministrative a Ferrara, e Alan Fabbri (Lega) è stato eletto sindaco.

Dal momento della sua elezione, già in altre occasioni le scelte del nuovo sindaco hanno scatenato delle polemiche che sono finite sui quotidiani nazionali.

Subito dopo l’elezione di Fabbri alcuni suoi sostenitori hanno deciso di appendere lo striscioni con il simbolo del Carroccio sullo scalone del Municipio in segno di vittoria, coprendo in questo modo lo striscione di Amnesty International dedicato a Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso in Egitto e sulla cui morte non è stata ancora fatta luce.

Nei giorni scorsi, infine, Fabbri ha iniziato a togliere le panchine dai giardinetti come misura anti pusher e anti degrado.

A Ferrara l’ultimo capolavoro dell’ipocrisia leghista: la nuova giunta si alza lo stipendio

Ti potrebbe interessare
Politica / "Nata perché mia madre scelse di non abortire". Cara Meloni, nel 1976 l'aborto era illegale (di S. Lucarelli)
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Politica / Quanto guadagnano i ministri del governo Draghi: ecco tutte le dichiarazioni dei redditi
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nata perché mia madre scelse di non abortire". Cara Meloni, nel 1976 l'aborto era illegale (di S. Lucarelli)
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Politica / Quanto guadagnano i ministri del governo Draghi: ecco tutte le dichiarazioni dei redditi
Opinioni / L'ipocrisia della politica italiana, che appoggia a prescindere Israele (di G. Cavalli)
Politica / Tobia Zevi a TPI: “Voglio riaccendere Roma prendendo il meglio dalle altre metropoli europee” | VIDEO
Politica / Mario Draghi non percepisce compensi come premier
Politica / Elisabetta Belloni prima donna al vertice dei servizi segreti
Politica / Draghi: "Sulle riaperture andiamo per gradi. Brevetti liberi? Prima superare il blocco dell'export"
Politica / Piero Angela: “Serve il bis al Quirinale, ho chiesto a Mattarella di ricandidarsi”
Politica / Nel decreto Sostegni bis Orlando commissaria Anpal e liquida Parisi