Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Sparatoria Trieste, il governatore Fedriga: “Si cancelli il programma di Chef Rubio”

Immagine di copertina
Il governatore del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e Chef Rubio

Anche il presidente del Friuli-Venezia Giulia è intervenuto dopo le dichiarazioni di Chef Rubio riguardo la sparatoria di Trieste

Fredriga contro Chef Rubio: “Chiederò la chiusura del programma”

Non si placano le polemiche dopo le dichiarazioni di Chef Rubio sulla sparatoria di Trieste in cui sono rimasti uccisi due poliziotti. Sulla vicenda è intervenuto anche il governatore leghista del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, scagliandosi contro Chef Rubio e chiedendo la chiusura del suo programma.

Chef Rubio in un tweet aveva commentato l’omicidio dei due poliziotti, sostenendo che la vera causa dell’accaduto fosse la scarsa sicurezza sul luogo di lavoro. “Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente – aveva scritto -. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedono nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra”.

Al tweet aveva risposto il fratello di uno dei due poliziotti uccisi, minacciandolo di “tenere alta la guardia” altrimenti anche Chef Rubio avrebbe fatto la fine del fratello. “Uomo di m****! Ti auguro di perdere un tuo caro!” si legge.

Ne era seguito uno scambio di tweet tra lo Chef e il fratello del poliziotto e sulla vicenda era intervenuto anche il leader della Lega Matteo Salvini “A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio, non sei uno “chef”, sei uno stupido”, aveva scritto Salvini in un tweet.

Sulla vicenda è intervenuto il governatore del Friuli-Venezia Giulia Massimiliano Fedriga che in un post su Facebook ha scritto “Inaccettabile e vergognoso utilizzare la sofferenza delle famiglie e di tutta Italia per lanciare provocazioni al fine di acquisire visibilità! Chef Rubio chieda scusa e l’emittente che lo manda in onda cancelli il suo programma!”

Oltre al governatore Fedriga, riguardo ai commenti di Chef Rubio era intervenuta anche Rita Dalla Chiesa, che in un tweet ha scritto “se mai ti capiterà di essere minacciato pesantemente da qualcuno, difenditi da solo, visto che di loro non ti fidi. Vergognati per la tua immensa pochezza”.

Chef Rubio minacciato dal fratello del poliziotto ucciso: “Ti auguro di perdere un caro”. Poi le scuse

Sparatoria Trieste, chef Rubio dà la colpa a Salvini: “Scrive stupidaggini invece di dire sono una m****”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Politica / Tutte le buste paga: quanto guadagnano i ministri del governo Draghi
Politica / Tobia Zevi a TPI: “Voglio riaccendere Roma prendendo il meglio dalle altre metropoli europee” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Politica / Tutte le buste paga: quanto guadagnano i ministri del governo Draghi
Politica / Tobia Zevi a TPI: “Voglio riaccendere Roma prendendo il meglio dalle altre metropoli europee” | VIDEO
Politica / Mario Draghi non percepisce compensi come premier
Politica / Elisabetta Belloni prima donna al vertice dei servizi segreti
Politica / Draghi: "Sulle riaperture andiamo per gradi. Brevetti liberi? Prima superare il blocco dell'export"
Politica / Piero Angela: “Serve il bis al Quirinale, ho chiesto a Mattarella di ricandidarsi”
Politica / Nel decreto Sostegni bis Orlando commissaria Anpal e liquida Parisi
Opinioni / Caos Rai: la Vigilanza chiederà a Viale Mazzini di bloccare l'approvazione dei palinsesti
Politica / Quella volta che i lavoratori dell’autogrill non vollero servire Almirante