Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Federazione con Salvini: rivolta in Forza Italia: “Così ci svendiamo”. E Meloni dice no

Immagine di copertina
Silvio Berlusconi e Matteo Salvini Credits: ANSA

Silvio Berlusconi ha aperto all’ipotesi di una federazione tra Forza Italia e la Lega, accogliendo con favore la proposta di Matteo Salvini. Nel suo partito, però, in molti non condividono affatto questa linea. Ad alzare la voce contro l’ipotesi della federazione, in una riunione via Zoom, sono state innanzitutto le ministre Mariastella Gelmini e Mara Carfagna.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, per entrambe le ministre l’ipotesi federativa equivarrebbe a “svendersi alla Lega”. Ma i malumori in Forza Italia sono diffusi. Anche Maurizio Gasparri, Sestino Giacomini e il leader dei giovani forzisti Marco Bestetti avrebbero espresso la loro contrarietà alla proposta di Salvini.

Intanto, a smarcarsi nettamente dall’ipotesi della federazione è Fratelli d’Italia, secondo cui “la federazione riguarda i gruppi del centrodestra che sono con Draghi, uno strumento per difendersi dallo strapotere della sinistra nella maggioranza. Operazione giusta che però non riguarda FdI”. No secco dunque di Giorgia Meloni e dei suoi.

Sempre secondo il Corriere della Sera, il primo passo della nuova federazione sarebbe l’unione dei gruppi parlamentari tra Lega e Forza Italia, così da formare un’unica compagine di centrodestra di governo: l’obiettivo sarebbe avere maggior peso nelle decisioni e contrastare la forza numerica dei gruppi parlamentari del Pd e dei grillini.

Ma l’obiettivo finale sarebbe ancora più ambizioso, ovvero quello di pesare nella scelta del nuovo presidente della Repubblica e, perché no, di tirare la volata a Silvio Berlusconi, che non ha mai nascosto la sua ambizione di puntare al Colle.

Leggi anche: C’è un posto anche per Renzi nel nuovo centrodestra moderato di Salvini-Berlusconi

Ti potrebbe interessare
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Ti potrebbe interessare
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”