Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Europee, il “trucco” dei partiti minori per evitare di dover raccogliere 150mila firme

Immagine di copertina

Tra domenica 7 e lunedì 8 aprile partiti e movimenti sono chiamati a depositare negli uffici del Viminale i simboli delle liste che concorreranno alle elezioni europee del 26 maggio.

Fra alleanze più o meno annunciate e liste dai nomi imprevedibili, spicca la tendenza ad alterare il proprio “contrassegno” per fare spazio al rispettivo gruppo europeo di appartenenza. È il caso, ad esempio, di Casapound, che accanto al proprio simbolo ha aggiunto quello di Aemn, l’Alleanza europea dei movimenti nazionalisti, o della Democrazia Cristiana, che specifica l’adesione al Partito popolare europeo (Ppe).

Lo stesso Partito democratico, nel simbolo preannunciato nei giorni scorsi da Nicola Zingaretti, si candiderà insieme alla lista Siamo Europei mettendo ben in evidenza la propria appartenenza al Partito socialista europeo (Pse).

Dietro queste scelte, peraltro, non c’è sempre e solo la volontà di specificare la propria famiglia europea di appartenenza. In alcuni casi si tratta di uno stratagemma per evitare di essere soggetti alla regola che impone, per poter concorrere alle elezioni, di aver raccolto almeno 150mila firme (30mila per ciascuna delle 5 circoscrizioni).

A questa regola, infatti, non devono sottostare i partiti e i movimenti che sono già rappresentati nel Parlamento europeo o in quello italiano. E allora ecco che alle liste minori, che non hanno rappresentanti né a Roma né a Bruxelles, basta aggiungere al proprio simbolo quello del gruppo europeo di riferimento per essere sollevati dalla raccolta firme.

Attorno a questo nodo si era giocata la partecipazione della lista Green Italia-Verdi europei alle europee del 2014. La lista in un primo momento era stata esclusa dalla competizione elettorale perché non aveva raccolto il numero di firme necessario, salvo poi essere riammessa dalla Corte di Cassazione. Nel loro ricorso i Verdi avevano fatto leva proprio sul diritto a essere esentati dalla raccolta firme per via della loro appartenenza a un soggetto politica già rappresentato al Parlamento europeo.

Europee, dal Partito Pirata al Sacro Impero Cattolico fondatore: i simboli depositati al Viminale

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Politica / Il centrodestra punta a una vittoria netta alle elezioni per prendersi anche il Quirinale
Politica / Zaia: "L’omosessualità non è una malattia, l’omofobia sì. Basta tabù sui diritti"
Politica / Elezioni, Adinolfi a Tpi: “Letta e Meloni sono come Sandra e Raimondo, litigano ma sono uguali”