Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Ogni membro dell’Ue riconosca l’importanza della famiglia europea”: l’appello di Sting

Immagine di copertina
Sting. Credit: Instagram/Sting

Europee 2019 Sting appello

Gordon Matthew Thomas Sumner, meglio noto come Sting, scrive una lettera-prefazione al libro del governatore della Toscana Enrico Rossi Non basta dire Europa. Nella lunga lettera, il cantautore britannico si schiera contro l’uscita del suo paese dall’Unione europea e invita a preservare l’Europa e a comprendere l’importanza della nostra “famiglia europea”.

Di seguito la lettera integrale di Sting.

Europee 2019 Sting appello | L’appello

Sono nato nel 1951 nel nord dell’Inghilterra, la Seconda Guerra Mondiale era finita solo sei anni prima e la mia città era segnata dalle orribili cicatrici della campagna di bombardamenti della Luftwaffe compiuta per distruggere il cantiere navale vicino a casa mia. Ogni mattina andavo a scuola attraverso una terra desolata di strade deserte ed edifici bombardati. Fu il nostro leader del tempo di guerra Winston Churchill che disse: «Dobbiamo ricreare la famiglia europea in una struttura regionale che potremmo chiamare gli Stati Uniti d’Europa».

Questa straordinaria idea cominciò a materializzarsi nell’anno della mia nascita, quando la Comunità europea del carbone e dell’acciaio unificò le industrie degli armamenti degli ex avversari per rendere effettivamente impossibile la guerra tra questi Paesi. La Comunità economica europea fu quindi costituita nel 1957, e il
mio Paese vi si unì solo nel 1973. Nessuno ha mai sostenuto che si trattasse di un’unione perfetta, gli accordi commerciali sono sempre controversi, ma l’obiettivo profondamente serio di mantenere i nostri Paesi in pace è stato raggiunto rimarcabilmente senza grande risonanza.

L’Unione Europea è ora il più grande blocco commerciale al mondo e nel momento in cui scrivo il Regno Unito sta cercando di uscirne. Amo il mio Paese e non voglio vederlo soffrire a causa di un cattivo modo di governare e per un’avventata valutazione di un plebiscito, permeato e distorto da evidenti menzogne e fantasie, architettate da politicanti che perseguono vantaggi immediati allontanandoci dai nostri partner commerciali in Europa.

Europee 2019 Sting appello | La Brexit

Credo fermamente che questa sarà una tragedia per il mio Paese, e immagino Churchill rivoltarsi nella tomba, se mai dovesse accadere. Il mondo moderno ha davanti a sé una serie di minacce mortali che possono essere affrontate solo dai nostri Paesi e dalle nostre comunità, se agiscono all’unisono. Il cambiamento climatico, l’inarrestabile tragedia della crisi dei rifugiati, il terrorismo, la fame e le pandemie non saranno contrastati efficacemente da piccoli principati che agiscono ognuno per conto proprio e in modo improvvisato e caotico.

I nostri trattati e le istituzioni internazionali sono sempre più minacciate dal cinismo politico e dall’opportunismo, e tuttavia rappresentano l’unica via razionale per affrontare queste sfide fondamentali. Credo che prevarremo contro questi pericoli solo ragionando come una comunità mondiale, e la nostra «famiglia europea» – per usare le parole di Churchill – è un anello vitale di questa catena volta ad assicurare la nostra sopravvivenza, dove muri e divisioni potranno solo esacerbare i problemi.

Esorto il mio Paese a ripensarci, esorto tutti i membri e le regioni dell’Unione Europea a riconoscere il valore intrinseco e l’importanza della nostra «famiglia europea», il nostro scopo comune e la nostra comunità.

• Quando si vota in Italia

• Come si vota: la guida al voto

• Quali sono i documenti da portare al seggio

• Chi sono i candidati di ogni partito

• Cosa dicono gli ultimi sondaggi elettorali

• Quali sono i gruppi politici del Parlamento Ue

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto da Fdi come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”
Politica / Chi è Carlo Nordio, il candidato proposto da Fdi come presidente della Repubblica
Politica / Le trattative prima del voto, dialogo tra Letta e Salvini: oggi nuovi incontri
Politica / Chi è Elisabetta Belloni e perché potrebbe essere la prima donna presidente (del Consiglio o della Repubblica)
Politica / Elezione del Presidente della Repubblica diretta tv e live streaming: dove vedere le votazioni live
Politica / A che ora è l’elezione del Presidente della Repubblica: l’orario delle votazioni
Politica / Quirinale, iniziate le votazioni. Meloni: "Propongo il nome di Carlo Nordio". Incontro Draghi-Salvini, nel pomeriggio il leader della Lega vede Letta e Conte
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Quirinale, nel centrosinistra si fa largo il nome di Riccardi. Ipotesi scheda bianca al primo voto