Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

M5S, lo sfogo di Corrao contro la Lega: “Rispediamo Salvini da Berlusconi”

Immagine di copertina

L'europarlamentare all'attacco dopo la bocciatura della mozione pentastellata sulla Tav

L’europarlamentare M5S Ignazio Corrao: “Salvini? Non gli ho mai creduto”

La spaccatura tra M5S e Lega dopo il voto al Senato sulla Tav Torino-Lione e lo spettro della crisi di governo si fa sentire anche a Bruxelles e Strasburgo. L’europarlamentare pentastellato Ignazio Corrao sui social network ha deciso di esprimere tutto il suo malcontento per le scelte del suo partito, su molti temi piegato alla linea dettata dalla Lega.

“Io alla Leganord e ad uno come Salvini non ho mai creduto, neanche per un minuto”, ha scritto sulla sua pagina Facebook all’eurodeputato 35enne, di professione avvocato, eletto al Parlamento Ue nel 2014 e confermato nel 2019.

“Lega sempre a disposizione del sistema”

“Una cosa è definitivamente emersa in modo chiaro – ha scritto nel suo post Corrao criticando la Lega e la scelta del M5S di accettare i suoi provvedimenti -: qualsiasi occasione in cui c’è da difendere l’ancién regime e determinati interessi particolari, si dimostra come l’occasione in cui la Leganord si mette a disposizione del sistema stesso, esattamente come hanno sempre fatto i vari partiti del cemento, degli affari, della distruzione e delle voragini di bilancio (il pd ad esempio oggi ha perso una grande occasione per dare un segnale di cambiamento, confermandosi per quello che purtroppo è)”.

“Lega da rispedire a Berlusconi”

Dunque, continua l’europarlamentare M5S: “Questo voto odierno sull’alta voracità può significare tutto o niente, significa tutto se viene recepito come la linea rossa finale, l’occasione buona per rispedire questo orribile partito padano al mittente (Berlusconi & friends) di modo che gli venga tolta la maschera positiva e fattiva che noi gli abbiamo donato e possano essere riconoscibili da tutti per quello che sono, ossia il nulla cosmico, un partito che ha rubato 49 milioni agli italiani e fa finta di niente, profondamente razzista e parte di quel sistema che ha ridotto il nostro Paese nelle condizioni in cui si trova”.

> M5s bocciato al Senato sulla Tav, l’ira di Beppe Grillo

“Oppure – ha scritto ancora Corrao – può significare niente se finisce a tarallucci e vino, come spesso è avvenuto in questi mesi con conseguenze evidentemente nefaste per l’identità del Movimento 5 Stelle stesso, mai in crisi come in questo periodo a causa di questo matrimonio contronatura”.

“Ci dobbiamo ribellare, prima che sia troppo tardi”

L’eurodeputato del Movimento 5 Stelle dice di non riuscire più ad “avere spazio per la diplomazia o la cripticità”. “Non riesco più – dice – a vedere lati accettabili e soprattutto non riesco più a viverla serenamente, ad essere tranquillo con me stesso e a dare un valore a un decennio di battaglie su cui ho messo faccia, cuore e tutta l’energia per combattere un sistema che oggi guadagna consensi e credibilità sulle nostre spalle”.

> I No Tav contro il M5s: “Di questa sceneggiata dall’esito scontato ne avremmo fatto volentieri a meno”

Il post si conclude con una frase di Peppino Impastato: “Ci dobbiamo ribellare, prima che sia troppo tardi, prima di abituarci alle loro facce, prima di non accorgerci più di niente”. Un giudizio netto ed inequivocabile.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi