Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni presidenziali Ucraina 2019

Immagine di copertina
Credit: Jaap Arriens/NurPhoto

Aggiornamento domenica 21 aprile 2019: Il comico Vladimir Zelensky è il nuovo presidente dell’Ucraina. L’attore (qui il suo profilo) ha battuto Petro Poroshenko, il presidente uscente.

Elezioni Ucraina Risultati: vince il comico Zelensky, è il nuovo presidente 

Domenica 31 marzo 2019, circa 35 milioni di cittadini dell’Ucraina sono chiamati alle urne per eleggere il prossimo presidente. È il primo test elettorale per l’attuale capo di Stato, Petro Poroshenko, salito al potere nel 2014 dopo le proteste di Euromaiden. I seggi sono aperti dalle 7.

Il comico 41enne Volodymyr Zelensky è in testa a tutti i sondaggi. Zelensky è dato al 25 per cento dei consensi, davanti al presidente uscente Petro Porochenko e all’ex premier e pasionaria della rivoluzione arancione, Yulia Tymochenko.

Uno dei problemi legati alle elezioni del 31 marzo riguarda i cittadini della penisola di Crimea, annessa dalla Russia a seguito di un referendum considerato illegale dalla comunità internazionale, e delle zone del paese ancora in mano ai ribelli.

Alle elezioni sono presenti circa 967 osservatori internazionali per accertarsi che il voto si svolga in trasparenza.

Se nessuno dei candidati ottiene il 50 per cento delle preferenze, il 21 aprile i due esponenti che hanno preso il maggior numero di voti andranno al ballottaggio. Se Zelensky dovesse vincere il primo turno, la sfida al ballottaggio resta comunque incertissima.

Gli exit poll

Secondo i primi exit poll, i due candidati che si sfideranno al ballottaggio del 21 aprile 2019 sono Volodymyr Zelensky, grazie al 30,7% delle preferenze, e l’ex presidente Petro Poroshenko, fermo al 18,6%.

Fuori l’attivista della rivoluzione arancione, Yulia Timoshenko, che ha totalizzato il 13,9% delle preferenze ma contesta gli exit poll, definendoli “uno strumento di manipolazione” e affermando di essere in possesso di altre proiezioni che vedono lei al secondo posto e non Poroshenko.

I candidati

Sono 43 i politici che hanno presentato la loro candidatura alle elezioni del 31 marzo. I favoriti però sono tre: il presidente uscente Petro Poroshenko, un magnate del cioccolato eletto per la prima volta nel 2014; la leader dell’opposizione Yulia Tymoshenko; il comico Volodymyr Zelensky, senza alcuna esperienza politica.

Secondo i sondaggi sembra che proprio Zelensky sia in vantaggio, potendo contare sul voto dei cittadini che hanno tra i 18 e i 25 anni e che sono stanchi della corruzione e dei conflitti armati che dopo 5 anni ancora interessa il paese.

Volodymyr Zelensky, 41 anni, è dato al 25 per cento contro il 17 per cento di Poroshenko e il 18 della Tymoshenko. Noto volto della televisione ucraina, dirige il programma di satira politica Servo del popolo.

Petro Poroshenko è il presidente uscente, eletto nel 2014 con il 55 per cento dei voti. Secondo i sondaggi l’attuale capo di Stato non gode del sostegno della popolazione, che ritiene che non abbia fatto abbastanza per ridurre la corruzione e recuperare i soldi pubblici sottratti dall’ex presidente Viktor Yanukovich.

Yulia Tymoshenko, filo-europea e molto attiva nelle proteste del 2004-2005, è stata primo ministro nel 2005 e nel 2007. Candidatasi alle presidenziali del 2014, era stata sconfitta da Poroshenko. La Tymoshenko può contare sul sostengo dei più anziani, avendo promesso un sostanzioso aumento delle pensioni.

Ti potrebbe interessare
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Politica / Berlusconi strizza l’occhio al M5S: “Ha dato voce a disagio reale che merita rispetto”
Politica / I sindacati si spaccano: Cgil e Uil proclamano lo sciopero generale, la Cisl non aderisce
Ti potrebbe interessare
Politica / Conte: “Mi candiderò a Politiche. Entrerò in Parlamento dalla porta principale”
Politica / Berlusconi strizza l’occhio al M5S: “Ha dato voce a disagio reale che merita rispetto”
Politica / I sindacati si spaccano: Cgil e Uil proclamano lo sciopero generale, la Cisl non aderisce
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto