Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Rinvio delle elezioni comunali a dopo l’estate? Il dossier nelle mani di Draghi. Al Colle l’idea non dispiace

Di Marco Antonellis
Pubblicato il 19 Feb. 2021 alle 11:52 Aggiornato il 19 Feb. 2021 alle 11:53
165
Immagine di copertina

Sarà uno dei primi dossier a finire sul tavolo di Mario Draghi spiegano da palazzo Chigi: quello delle elezioni comunali. D’altra parte parliamo delle più importanti città italiane a cominciare dalla capitale Roma. Poi Milano, Napoli, Torino, Bologna. Sarà inevitabile per il governo prendere posizione al più presto.

Il tema è se procedere con elezioni a maggio, cioè a scadenza naturale, oppure se rinviare tutto a dopo l’estate, settembre o forse ottobre. Il Quirinale, in particolare, vedrebbe di buon occhio questa seconda opzione, spiega chi ha avuto modo di sondare gli umori del Colle in tal senso: “Sarebbe impensabile aprire i comizi elettorali in piena pandemia con il rischio di creare seri problemi alla lotta al Covid e alle vaccinazioni che già vanno a rilento”, è il refrain.

Anche il governo, stando alle prime indiscrezioni propenderebbe per la “linea Colle”, ma ancora non ci sono decisioni ufficiali in tal senso. I partiti intanto premono affinché una decisione venga presa il prima possibile: fa molta differenza sapere se hanno ancora qualche mese di tempo per chiudere le candidature oppure no.

Candidature che in molte città, a cominciare dalla capitale, sono in alto mare: a Roma per esempio i Dem vorrebbero candidare l’ex ministro dell’economia Gualtieri, che da par suo avrebbe già dato un ok di massima (ed è molto gradito a Caltagirone, l’influente editore del Messaggero), ma la Raggi non ne vuole sapere di farsi da parte: da tempo ha già messo a punto persino le linee strategiche della campagna elettorale.

Anche nel centro-destra è tutto in alto mare: la sfida è tra Abodi e Bertolaso ma le ultime divisioni dovute alla nascita del governo Draghi non aiutano la ricerca di un accordo. Per questo avere più tempo e votare dopo l’estate potrebbe fare la differenza per molti.

Leggi anche: 1. L’asse Draghi-Mattarella-Papa Francesco per blindare il Paese / 2. L’asse euroatlantico e il “commissariamento gentile” del belpaese / 3. Salvini ha due problemi e tutti e due cominciano con la lettera G

165
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.