Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Rinvio delle elezioni comunali a dopo l’estate? Il dossier nelle mani di Draghi. Al Colle l’idea non dispiace

Immagine di copertina

Sarà uno dei primi dossier a finire sul tavolo di Mario Draghi spiegano da palazzo Chigi: quello delle elezioni comunali. D’altra parte parliamo delle più importanti città italiane a cominciare dalla capitale Roma. Poi Milano, Napoli, Torino, Bologna. Sarà inevitabile per il governo prendere posizione al più presto.

Il tema è se procedere con elezioni a maggio, cioè a scadenza naturale, oppure se rinviare tutto a dopo l’estate, settembre o forse ottobre. Il Quirinale, in particolare, vedrebbe di buon occhio questa seconda opzione, spiega chi ha avuto modo di sondare gli umori del Colle in tal senso: “Sarebbe impensabile aprire i comizi elettorali in piena pandemia con il rischio di creare seri problemi alla lotta al Covid e alle vaccinazioni che già vanno a rilento”, è il refrain.

Anche il governo, stando alle prime indiscrezioni propenderebbe per la “linea Colle”, ma ancora non ci sono decisioni ufficiali in tal senso. I partiti intanto premono affinché una decisione venga presa il prima possibile: fa molta differenza sapere se hanno ancora qualche mese di tempo per chiudere le candidature oppure no.

Candidature che in molte città, a cominciare dalla capitale, sono in alto mare: a Roma per esempio i Dem vorrebbero candidare l’ex ministro dell’economia Gualtieri, che da par suo avrebbe già dato un ok di massima (ed è molto gradito a Caltagirone, l’influente editore del Messaggero), ma la Raggi non ne vuole sapere di farsi da parte: da tempo ha già messo a punto persino le linee strategiche della campagna elettorale.

Anche nel centro-destra è tutto in alto mare: la sfida è tra Abodi e Bertolaso ma le ultime divisioni dovute alla nascita del governo Draghi non aiutano la ricerca di un accordo. Per questo avere più tempo e votare dopo l’estate potrebbe fare la differenza per molti.

Leggi anche: 1. L’asse Draghi-Mattarella-Papa Francesco per blindare il Paese / 2. L’asse euroatlantico e il “commissariamento gentile” del belpaese / 3. Salvini ha due problemi e tutti e due cominciano con la lettera G

Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare
Politica / Mille euro di bonus vacanze per chi si vaccina: la proposta di un deputato di Forza Italia
Politica / L’ex sottosegretario di Prodi in piazza contro il Green Pass: “Sono complottologo”
Politica / Brunetta: “Vorrei il vaccino obbligatorio per i dipendenti pubblici”
Politica / A settembre si rischia ancora la Dad: dai vaccini ai trasporti, i nodi irrisolti. "È già tardi"
Politica / Sulla giustizia nessuno sfiducerà Draghi. “Al massimo 15 contrari nel M5S”