Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni amministrative Campobasso 2019: tutto quello che c’è da sapere

Immagine di copertina

Elezioni amministrative Campobasso 2019 | Elezioni Campobasso 2019 | Elezioni comunali Campobasso candidati | Data | Come si vota

Elezioni amministrative Campobasso 2019 | Oggi, domenica 26 maggio 2019, i cittadini di Campobasso sono chiamati a eleggere il loro sindaco e a rinnovare il Consiglio comunale. Le urne si sono aperte alle 7 e chiudono alle 23. 

Elezioni amministrative Campobasso 2019 | Data

Le elezioni comunali del capoluogo molisano si tengono nella stessa data delle Europee 2019 e delle regionali in Piemonte

Il successivo eventuale turno di ballottaggio avrà luogo il 9 giugno 2019. Il ballottaggio, essendo Campobasso una città con una popolazione superiore ai 15mila abitanti, è necessario nel caso in cui nessun candidato al primo turno riesca a ottenere la maggioranza assoluta. Passano al secondo turno i due candidati a sindaco più votati.

Elezioni Campobasso 2019 | Candidati

I candidati sindaco di Campobasso sono cinque in tutto:

• Antonio Battista, sostenuto da Partito Democratico, La Sinistra, Centro Democratico-Italia in Comune. È il sindaco uscente del capoluogo molisano

• Maria Domenica D’Alessandro, con Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, È Ora, I Popolari

• Roberto Gravina del Movimento 5 Stelle

• Orlando Iannotti del Movimento dei Forconi

• Paola Liberanome, Io Amo Campobasso

Elezioni comunali Campobasso 2019 | Come si vota

Alle comunali di Campobasso, così come negli altri comuni italiani, è ammesso il voto disgiunto: si può votare per un candidato sindaco e per la lista ad esso collegata o in alternativa può votare per un candidato sindaco e per una lista non collegata.

Nei comuni sino a 15mila abitanti è eletto sindaco il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti ed alla lista vengono attribuiti tanti voti quanti quelli attribuiti al sindaco.

Il sindaco si elegge con sistema maggioritario, mentre la ripartizione dei seggi ai consiglieri avviene tramite sistema proporzionale.

Per garantire la governabilità, alle liste collegate al candidato sindaco vincitore viene attribuito il 60 per cento dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale attraverso il metodo D’Hondt.

Accedono al riparto dei seggi le liste che superano la soglia di sbarramento del 3 per cento.

Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S