Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

L’endorsement di Goldman Sachs per il Draghi-bis a Palazzo Chigi

Immagine di copertina

Nel caso qualcuno avesse dubbi in proposito, Goldman Sachs chiarisce che tifa per il Draghi-bis a Palazzo Chigi nel 2023. In un rapporto pubblicato nei giorni scorsi la banca d’affari statunitense – di cui lo stesso Draghi è stato vicepresidente per tre anni, dal 2002 al 2005 – scrive: in vista delle elezioni italiane «un cambiamento nella coalizione al governo è probabile che rafforzi l’incertezza sull’implementazione del Recovery Fund, il suo impatto sulla crescita e il suo supporto alla sostenibilità del debito».

Il report si concentra sul tema della sostenibilità dei debiti pubblici dei Paesi del Sud Europa: l’anno prossimo si vota anche in Grecia e Spagna, ma – scrivono gli analisti di Goldman Sachs – ad Atene il favore nei sondaggi di cui gode il Governo in carica rende meno probabile un’interruzione della «continuità politica», mentre a Madrid le due coalizioni rivali «condividono lo stesso impegno verso l’integrazione fiscale europea e, perciò l’implementazione del Recovery Fund».

In Italia, invece, la coalizione «più scettica» verso l’Europa, ovvero quella di centrodestra, con Fratelli d’Italia e Lega, «guida regolarmente i sondaggi»: «L’Italia resta quindi il Paese più a rischio di una rottura politica e l’avvicinarsi delle elezioni potrebbe diventare un catalizzatore per rinnovate preoccupazioni circa la sostenibilità del debito». E i Btp rischiano di tornare ad essere sorvegliati speciali sui mercati. Dunque, dopo Giovanni Toti, Giorgio Gori, Carlo Calenda, anche Goldman Sachs esce allo scoperto auspicando la conferma di una maggioranza a trazione centrista.

Ma la notizia è stata praticamente ignorata dalla maggioranza della stampa italiana, che pure resta grande fan di Draghi. Del resto, raramente le preoccupazioni dell’alta finanza fanno breccia sull’elettorato. L’ultima volta che i mercati presero posizione in vista delle elezioni italiane era il 2018: a dispetto del loro tifo per una coalizione moderata, finì con un trionfo di M5S e Lega. Alla fine, però, i mercati l’hanno avuta vinta: tre anni dopo a Palazzo Chigi è arrivato il loro SuperMario.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”