Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Draghi vorrebbe sostituire l’ambasciatore italiano in Ue Maurizio Massari

Immagine di copertina
Maurizio Massari e Mario Draghi. Credit: Ansa

La notizia è che Mario Draghi starebbe pensando di cambiare l’ambasciatore italiano presso l’Unione Europea. Maurizio Massari, l’attuale rappresentante, è in proroga fino a maggio ma a Palazzo Chigi non starebbero pensando ad una sua riconferma: per quel ruolo Draghi starebbe cercando un profilo diverso. I nomi in lizza attualmente provengono tutti dalla Farnesina ma a palazzo Chigi non si escludono sorprese. E ci sarebbe anche una “carta coperta”.

Nel frattempo, mentre Roberto Garofoli non riesce ancora a trovare la quadra definitiva sui sottosegretari, nuvoloni si scorgono all’orizzonte dalle finestre del palazzo. Non ultimo lo spacchettamento dei ministeri richiesto a gran voce da Beppe Grillo per la nascita del nuovo dicastero della Transizione ecologica affidato a Roberto Cingolani. Mario Draghi vorrebbe “riperimetrare” quanto prima le competenze in materia attualmente attribuite ad altri ministeri. Ma la Lega non sembra pensarla così e sta facendo muro per difendere le prerogative del Mise di Giancarlo Giorgetti.

In poche parole a via Bellerio non ne vogliono sapere di scorporare tutta la parte “energetica” dal ministero di GG. E pensare che Draghi e Giorgetti sono grandi amici (così come, del resto, lo è anche Gianni Letta). Altra possibile grana in arrivo potrebbe riguardare il super manager Vittorio Colao. Manager molto stimato dalle parti del Quirinale sin dal suo insediamento a capo della task force ai tempi del Conte 2 (il Colle diede luce verde all’operazione) è stato nominato alla guida del Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale.

Ora però Mario Draghi vorrebbe affidargli anche la guida della presidenza del comitato interministeriale sulla digitalizzazione del paese che verrà istituito presso il Mef con tutti i ministeri competenti. Ma all’interno dell’esecutivo non tutti sembrano condividere la scelta. Anche perché sulla base degli accordi presi in sede di formazione del governo si era deciso che a guidare il comitato sarebbe stato Cingolani.

Leggi anche: 1. Salvini e il piano “Lega Italia”: un nuovo partito popolare insieme a Berlusconi/ 2. Draghi e la politica dei due forni (con la “benedizione” del Colle). Niente cabina di regia per il governo

Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Politica / Michele Santoro al TPI FEST! 2021: “Vi dico la verità sulle stragi di Mafia”
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest!: "5s in giunta? Mai! A Roma la Raggi non è stata all'altezza"
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest: “Con Franco il ministero dell’Economia in buone mani”
Politica / Conte e Di Maio negano, ma ieri hanno litigato sulla giustizia: "Dove vuoi arrivare Giuseppe?"
Politica / La tragicomica fuga del deputato di Fratelli d'Italia durante la bagarre alla Camera | VIDEO