Me

Caos alla Camera dei deputati: l’opposizione protesta contro il discorso del premier Conte

Di Laura Melissari
Pubblicato il 9 Set. 2019 alle 18:21 Aggiornato il 9 Set. 2019 alle 18:27
Immagine di copertina

Caos alla Camera dei deputati: l’opposizione protesta contro il discorso del premier Conte

Fiducia, è caos alla Camera | Il premier Conte ha iniziato la sua replica dopo gli interventi dei deputati alla conclusione del suo discorso per chiedere la fiducia all’Aula di Montecitorio, ed è subito caos. La replica di Conte ha scatenato le reazioni scomposte dell’opposizione, che hanno fischiato, urlato e protestato con veemenza.

“Molti interventi di Lega e anche di Fi celano delle forti reazioni emotive, veementi proclami. Ho ascoltato in silenzio, con attenzione, prendendo appunti sulle parole più usate: tradimento, oltraggio a italiani, addirittura sequestro del voto. Mi chiedo se la nostra Costituzione esiste ancora o è stata stracciata”, ha detto il premier Conte alzando la voce per placare il caos alla Camera, durante la replica al discorso sulla fiducia.

“Avete parlato di tradimento ma permettetemi di dire che conosco la vostra abilità comunicativa ma ripetere all’infinito queste parole non potrà cambiare la realtà dei fatti: questa è una grande mistificazione. Il fatto di pensare che una singola forza politica o addirittura il suo leader possa decidere ogni anno a suo piacimento o addirittura a suo arbitrio di poter portare il Paese alle elezioni è irresponsabile”, ha detto, mentre i deputati di centrodestra urlavano “elezioni”.

“La nostra Costituzione esprime una assetto e un equilibrio istituzionale, noto come democrazia parlamentare: significa che voi parlamentari siete eletti dal popolo e che questo governo viene qui a chiedere la fiducia”, prosegue il premier Giuseppe Conte nel suo intervento di replica a Montecitorio.

“Addirittura nel ribaltamento delle posizioni si accusa il M5s che ha subito una scelta di tradimento: è assurdo. Il Movimento Cinque Stelle, che io apprezzo e lavoro con loro, ha ritenuto di fare della coerenza con il loro programma il centro della loro attività politica”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte, intervenendo in sede di replica a Montecitorio.

“Non ho mai detto e non dirò mai che voi avete tradito: mi rivolgo alla Lega. Dico che mentre il M5s è stato coerente al proprio programma voi dimostrate di essere coerenti alle vostre convenienze elettorali. Avete sbagliato giuramento perché i ministri che hanno giurato letteralmente hanno giurato di tutelare l’interesse esclusivo della nazione non del proprio partito”. Lo dice il premier Giuseppe Conte in Aula alla Camera tra le proteste dei deputati leghisti.

Qui il video: