Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Di Maio alle europee ha scelto un alleato omofobo e antiabortista

Immagine di copertina

Luigi Di Maio cerca sponde per il parlamento europeo. Il M5s ha già 5 alleati per formare un gruppo parlamentare, ma non è detto che questi partiti riescano ad essere effettivamente eletti.

Il vicepremier Di Maio domenica 28 aprile 2019 si è recato in Polonia alla convention del partito di estrema destra Kukiz’15.

Si tratta di un’alleanza molto variegata: oltre a M5s e Kukiz, guidato da Pawel Kuzik, vi faranno parte anche gli ambientalisti estoni Elurikkuse Erakond di Artur Talvik, gli ambientalisti croati di Zivi Zid, i greci del partito dell’agricoltura e dell’allevamento Akkel. E ancora, i finlandesi di Liike Nyt.

Per formare un gruppo parlamentare a Strasburgo è necessario che vi siano 25 europarlamentari di almeno 7 paesi diversi. I numeri degli alleati di Di Maio non fanno presagire nulla di buono: si tratta di formazioni politiche giovani o piccole. “Altri movimenti si stanno aggregando, ne arriveranno altri nei prossimi giorni anche da Paesi più grandi”, ha anticipato il vice premier.

I partiti che potrebbero avere qualche chanche di eleggere deputati sono Kukiz, che punta al 7-8 per cento e i croati. Gli estoni si fermerebbero all’1 per cento e anche i finlandesi e i greci rischiano di non prendere nessun seggio.

Al momento il M5s fa parte del Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta.

Il Movimento punta a un’alleanza tutta nuova, costruita sulla base di un manifesto in 10 punti che era stato presentato a Roma a febbraio 2019, alla presenza di Luigi Di Maio e alcuni alleati europei.

L’alleato polacco di Di Maio, che ieri  ha tenuto la sua convention, è un ex star della musica rock e punk, che oggi ha posizioni anti abortiste e simpatie neonaziste.

Di Maio e Kuzik sono concordi sui punti principali del manifesto: salario minimo europeo, potenziamento dei poteri del parlamento europeo rispetto a quelli della Commissione e del Consiglio, legislazione unica antimafia.

Oltre alla democrazia diretta è “importante uscire dalla divisione antica tra destra e sinistra. Valeva nell’800, ma oggi i politici vanno divisi tra imbroglioni e canaglie e onesti e professionisti”, ha detto Kuzik.

Posizioni molto simili ai cavalli di battaglia di Di Maio: “Basta con le dittature delle banche, serve onestà democrazia, che non c’è mai stata in Polonia e neppure nell’Unione europea, dove la Commissione non è altro che una corte di aristocratici che serve al matrimonio politico di Merkel e Macron”, ha detto Kukiz.

Il polacco guarda con interesse alle piattaforme e agli strumenti di democrazia diretta come quelli del M5s, in Sile Rousseau.

“Se avremo vinto o perso alle elezioni europee lo si vedrà se i vecchi partiti, Popolari e Socialisti, avranno o meno raggiunto il 51 per cento dei seggi in Parlamento. Io non credo che sarà così”, ha detto Di Maio a Varsavia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Ti potrebbe interessare
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste