Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Dopo le consultazioni Di Maio è sempre più convinto di un’alleanza M5s-PD

Immagine di copertina
Luigi Di Maio e Matteo Salvini

Il Movimento Cinque Stelle (e il suo capo Luigi Di Maio in particolare) ha sempre più intenzione di allearsi con il PD e di chiudere la porta a Matteo Salvini.

Le difficoltà emerse nella giornata di ieri rispetto alla trattativa coi dem non hanno scoraggiato Luigi Di Maio. Secondo le indiscrezioni riportate dai principali quotidiani italiani, il capo politico del M5s, dopo il colloquio con Matterella, si sarebbe sempre più convinto della necessità di accordarsi con Zingaretti.

È vero che il PD sta litigando al suo interno, coi renziani che accusano il segretario di voler far naufragare la trattativa. Ma è vero anche che, ragionando sulle condizioni poste dei dem per un’alleanza, sembra trattarsi di questioni tutt’altro che insuperabili.

Di questo si sarebbe almeno convinto Di Maio. Prendiamo ad esempio il taglio dei parlamentari: i dem non si sono mostrati contrari. Hanno solo detto che la riforma va inscritta in un disegno più ampio che preveda anche una nuova legge elettorale.

Un esito che, del resto, sembra abbastanza naturale, poiché con un parlamento decurtato sarebbe necessario ripensare il meccanismo di voto (e orientarsi, probabilmente, in direzione di una legge proporzionale).

Come scrive La Stampa, i dieci punti letti ieri da Di Maio in conferenza stampa al Quirinale sembrano rivolti esplicitamente al PD e non alla Lega.

“I dieci comandamenti sembrano già nella loro formulazione una risposta di disponibilità rivolta a chi, Nicola Zingaretti, aveva proposto il giorno prima un’agenda di cinque punti. Il M5S rilancia e raddoppia per sedersi al tavolo del segretario dem”, scrive il quotidiano torinese.

“E conta relativamente che Di Maio non abbia mai pronunciato il nome del Pd nel suo intervento di fronte alle telecamere, gettando nell’ansia i suoi parlamentari e i colleghi democratici”.

Quanto a Salvini, la porta dei Cinque Stelle sembra ormai definitivamente chiusa. “Il forno con la Lega continua a essere tiepido per ragioni puramente tattiche – scrive La Stampa – come spiegano i capigruppo ai parlamentari riuniti alla Camera. Dopo tre giorni di silenzio imposto, mentre il Pd era sballottato da un diluvio di voci, i 5 Stelle hanno voglia di far pesare i propri numeri in Parlamento e non concedere al probabile futuro alleato l’impressione di essere pronti ad accettare qualsiasi veto”.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi