Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Di Battista: “Ok alla guida collegiale anche se parte del Movimento la vuole per timore che sia io il capo politico”

Immagine di copertina
Alessandro Di Battista

“Io non ho nessun problema a cambiare la figura del capo politico in un organo collegiale, anche se so che una parte del Movimento lo fa, non per convinzione, ma per timore che possa fare il capo politico io. Ma non ho nessun problema, anche perché credo sia molto più coerente con quello che è il Movimento un coordinamento più collegiale. Anche se l’ultimo sondaggio mi dava al primo posto nel gradimento, non ho problemi ad avallare una guida collegiale. Ma questo viene dopo la costruzione di un’agenda politica da qui al 2030 che ricostruisca una comunità, viene dopo la conferma della regola dei due mandati e della democrazia diretta”. Così Alessandro Di Battista, in un incontro romano tra attivisti, stando a un video postato su Facebook da Barbara Lezzi.

“Le persone non votano più Movimento 5 stelle perché considerano che non abbia rispettato determinate promesse, non si sia dimostrato coerente. È ingeneroso ma è così”, ha affermato l’ex deputato. Di Battista ha poi negato che vi sia una dicotomia tra ‘governisti e non’ nel Movimento. “Io vorrei sempre il M5s al governo: è una balla che qualcuno dice, anche internamente” che io non sia governista.

“Ho analizzato proposte e progetti e a giorni li presenterò”, ha assicurato. “Mi auguro – ha poi attaccato – che gli stati generali siano soprattutto per definire un’agenda da qui al 2030. Poi ci sono i valori e l’organizzazione del M5s. Oggi è in atto una diatriba interna tra chi vorrebbe proseguire a tempo indeterminato la propria carriera politica e chi combatte la politica professionista: per questo io vengo da alcune persone detestato da alcune persone nel Movimento 5 Stelle, neanche per il tema delle alleanze, ma perché sapete che sarei un baluardo a questa modifica”.

Tutti gli articoli di Alessandro Di Battista su TPI

Ti potrebbe interessare
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"