Coronavirus:
positivi 15.060
deceduti 34.818
guariti 191.083

Decreto Semplificazioni: con gli appalti senza gara pericolo infiltrazioni criminali

Di Anna Ditta
Pubblicato il 30 Giu. 2020 alle 17:53
66
Immagine di copertina

Decreto Semplificazioni: con gli appalti senza gara pericolo infiltrazioni criminali

La bozza del dl Semplificazioni, che dovrebbe arrivare giovedì 2 luglio in Consiglio dei ministri, contiene al suo interno anche norme che permettono di svolgere, a determinate condizioni, appalti senza gara, con l’affidamento diretto o la trattativa diretta al di sotto di determinate soglie (qui cosa prevede la bozza del decreto). Le nuove regole, che puntano a velocizzare la realizzazione di cantieri e opere, aprono tuttavia a maggiori rischi sulla possibilità di infiltrazioni criminali e mafiose negli appalti.

Per rendere più rapide le fasi d’appalto, il governo propone delle deroghe in vigore fino al 31 dicembre 2021 che consentirebbero di procedere senza gara ma con l’affidamento diretto per le opere fino a 150mila euro e con la trattativa diretta con almeno 5 operatori per quelle di importo superiore. La gara vera e propria rimarrebbe invece solo per le opere sopra i 5 milioni. La Presidenza del Consiglio, inoltre, potrebbe individuare opere di rilevanza nazionale per le quali saranno introdotte procedure a trattativa ristretta. Un’altra novità sarebbe la nascita del Fondo per la prosecuzione delle opere pubbliche, di cui potrebbero beneficiare le stazioni appaltanti, allo scopo di evitare che la mancanza temporanea di risorse pubbliche (ad esempio nell’attesa dell’erogazione di un finanziamento) possa ostacolare la realizzazione dell’opera. Infine, una deroga specifica riguarderebbe il rilascio della certificazione antimafia, che fino a luglio 2021 verrebbe rilasciata con una procedura d’urgenza e controllata solo ex post.

Il rischio concreto è che con queste deroghe diminuiscano i controlli sulle modalità con cui vengono spesi i fondi pubblici, con il conseguente pericolo di agevolare le infiltrazioni della mafia negli appalti pubblici, un settore storicamente oggetto di questo tipo di attività criminali. “A prima vista mi paiono deroghe eccessive e semplificazioni troppo ampie oltre alla questione dei subappalti e delle stazioni appaltanti dove il rischio di infiltrazioni mafiose è alto”, sottolinea a questo proposito Vincenzo Musacchio, giurista e docente di diritto penale, in un articolo pubblicato su Antimafia Duemila. L’esperto ricorda quindi le centinaia di inchieste giudiziarie (a partire da quelle del giudice Giovanni Falcone) che hanno indagato in questa “zona grigia” divenuta una “grande mangiatoia di clan mafiosi e faccendieri”.

“Se ci sarà la conferma del Parlamento nel prossimo anno molto denaro pubblico corre il rischio di essere speso senza controllo per la gioia del mafioso di turno che potrà beneficiarn”, prosegue Musacchio. “La presenza di numerose stazioni appaltanti, la parcellizzazione dei contratti e il ricorso eccessivo al subappalto, renderanno difficile i controlli da parte della magistratura e delle forze dell’ordine. È evidente”, sottolinea, “che questa modifica normativa che regola il sistema degli appalti pubblici ha delle lacune perlomeno molto rischiose”. La preoccupazione è che, oltre al rischio di infiltrazioni, a essere pregiudicata sia la qualità finale dell’opera e il rispetto delle norme della sicurezza nei luoghi di lavoro, e che i controlli dell’Anac siano resi difficili da fattori come l’elevato numero di imprese, il numero di appalti inferiori a 150mila euro, la parcellizzazione dei contratti e il ricorso eccessivo al subappalto.

A chiedere che il decreto semplificazioni non sia un passo indietro nel contrasto alle infiltrazioni mafiose negli appalti e subappalti è stato ieri il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro. “Semplificare le procedure per accelerare la ripresa economica e in particolare quella del settore edilizio è una scelta giusta e condivisibile. Dietro alle semplificazioni normative e burocratiche però non possono nascondersi i tradizionali tentativi di condoni edilizi mascherati e passi indietro nella tutela dell’ambiente e del paesaggio”, ha dichiarato. “Una deregolamentazione selvaggia, infatti, produrrebbe effetti devastanti su di un territorio fragile e largamente compromesso, oltre a un arretramento in materia di diritti dei lavoratori e di contrasto alla corruzione. L’annunciato decreto Semplificazioni non dovrà essere quindi un pericoloso e antistorico ‘liberi tutti’, sia rispetto alla tutela ambientale sia nel contrasto alle infiltrazioni mafiose negli appalti e subappalti”.

Leggi anche: 1. Decreto Semplificazioni: cosa prevede la bozza /2. [Retroscena] Maggioranza spaccata sul “modello Genova” per i cantieri: Pd contrario e M5S divisi

66
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.