Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Decreto Scuola, dall’esame di maturità al concorso per l’assunzione dei precari: cosa prevede il testo

Immagine di copertina

Decreto Scuola, cosa prevede

Dalle norme per lo svolgimento dell’esame di maturità e di terza media ai tempi del Coronavirus al concorso per l’assunzione di 32mila professori precari: sono questi alcuni dei principali punti del Decreto Scuola approvato oggi alla Camera dei Deputati e convertito in legge. Ecco cosa prevede il testo.

I punti

Per quanto riguarda esame di maturità ed esame di terza media il decreto contiene la cornice normativa da cui discendono le disposizioni operative del ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina. In particolare, per il test di scuola superiore è prevista una sola prova orale in presenza. L’esame di terza media invece coincide con la valutazione finale da parte del Consiglio di classe, che terrà conto anche di un elaborato consegnato e discusso online dagli studenti.

Per l’assunzione di 32mila docenti precari il decreto prevede un concorso con una prova scritta, non a crocette, da tenersi non appena la situazione epidemiologica lo consentirà. Ai vincitori del concorso, immessi in ruolo nell’anno scolastico 2021/22, che rientrano nella quota dei posti destinati alla procedura del 2020/21 verrà riconosciuta la decorrenza giuridica del rapporto di lavoro da settembre 2020. Per l’inizio del prossimo anno scolastico, 2020/21, gli insegnanti saranno reclutati dalle graduatorie provinciali, riaperte e aggiornate, e assunti con contratto a tempo determinato.

Nel decreto scuola sono previste anche novità per i voti della scuola primaria, con il ritorno dal prossimo anno dei giudizi al posto dei voti in decimi.

Per gli alunni disabili il testo consente alle famiglie di richiedere di reiscriversi allo stesso anno di corso per consentire loro di recuperare il mancato conseguimento degli obiettivi didattici.

Gli studenti privatisti dovranno sostenere l’esame di maturità nella sessione suppletiva di settembre, e in attesa di conseguire il diploma potranno partecipare alle prove di ammissione per l’Università.

Sul fronte dell’edilizia scolastica, per velocizzare gli interventi, fino al 31 dicembre prossimo i sindaci e i presidenti delle Province e delle Città metropolitane potranno operare con poteri commissariali. Su questo punto la ministra Azzolina ha indicato l’intenzione di mettere a disposizione risorse per oltre 4 miliardi di euro. “Ci sarà subito un nuovo stanziamento di altri 330 milioni per l’edilizia scolastica leggera”, ha aggiunto la titolare del Miur parlando dei fondi. “La norma contenuta nel decreto scuola favorirà i lavori dando ai sindaci potere di intervenire”, ha poi aggiunto.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S
Politica / Esclusivo TPI – Tutti i (costosissimi) voli privati noleggiati dalla Fondazione Open per Renzi &Co.
Politica / Regeni, Palazzotto a TPI: “Responsabilità chiare, ora l’Italia alzi il livello del conflitto politico con l’Egitto”