Covid ultime 24h
casi +23.225
deceduti +993
tamponi +226.729
terapie intensive -19

Il Cts si è spaccato sulle regole per palestre e piscine

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 20 Ott. 2020 alle 15:56
27
Immagine di copertina

Le evidenti difficoltà nel gestire la seconda ondata della pandemia emergono non solo a livello politico ma anche a livello tecnico. E così, su uno dei temi che ha spaccato l’opinione pubblica in questi giorni – chiusura o meno di piscine e palestre in vista del nuovo Dpcm – anche il Cts si confronta con la sua prima “crisi” interna. Una divisione tra chi chiede massimo rigore e chi ritiene sia presto per fermare le attività.

In quella che sembra un vera e propria sfida tra fronti opposti abbiamo: il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora dichiaratamente schierato contro una chiusura delle attività. A lui si affiancano i colleghi degli Affari regionali Francesco Boccia e dell’Agricoltura Teresa Bellanova. Dall’altra parte abbiamo il ministro della Salute Roberto Speranza e dei Beni culturali Dario Franceschini decisi alla serrata. In mezzo il premier Giuseppe Conte, ormai lontano dalla linea dura.

Come riporta il Corriere, il primo a parlare è Achille Iachino che sollecita la chiusura. Poi interviene il capo di gabinetto di Speranza Goffredo Zaccardi che sollecita il Cts a esprimersi affinché le attività sportive siano fermate. Una posizione che trova l’appoggio dei vertici degli organismi della Salute: i presidenti dell’Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro e del Consiglio Superiore Franco Locatelli, e il direttore scientifico dello Spallanzani Giuseppe Ippolito.

Alle 19, 30 si capisce che sarà impossibile trovare una posizione univoca. Il Cts “suggerisce una temporanea sospensione delle attività di uso di piscine e palestre nel principio di massima cautela raccomandando un adeguamento alle linee guida”. Conte concede una settimana per riscrivere i protocolli e sposa la linea di chi voleva tenere aperto. La prossima riunione del Cts deve ancora essere fissata. C’è da aspettarsi nuove crisi?

Leggi anche: 1. Allarme terapie intensive: ecco la situazione regione per regione. Se i casi aumentano non siamo pronti / 2. Il mistero delle 1.660 terapie intensive pronte all’uso che le Regioni non hanno ancora attivato / 3. I presidi contro De Luca: “No alla didattica a distanza. La scuola non si ferma” / 4. “Ora fermiamoci 3 settimane”: parla Crisanti / 5. “Giusto il coprifuoco a Roma e Milano”: lo dice Bassetti, il prof del “virus indebolito” / 6. L’allarme dei medici di famiglia: “Nel Lazio sommersi da telefonate”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

27
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.