Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

Crisi di governo, il tweet di Nicola Zingaretti: “Il Pd è pronto alla sfida”

Il segretario dem ha annunciato di essere pronto per il nuovo appuntamento elettorale

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 8 Ago. 2019 alle 21:13 Aggiornato il 9 Ago. 2019 alle 16:06
0
Immagine di copertina

Crisi di governo, il tweet di Nicola Zingaretti: “Il Pd è pronto alla sfida”

“La maggioranza non c’è più, subito al voto”. È stata questa la frase, scritta in una nota del leader del Carroccio Matteo Salvini, che ha ufficialmente aperto la crisi di governo. La tenuta dell’esecutivo gialloverde è infatti ormai agli sgoccioli e tutte le forze politiche stanno già pensando alle prossime elezioni. Come il Pd di Nicola Zingaretti che, con un post sul suo profilo Twitter, ha annunciato che i dem sono “pronti alla prossima sfida”.

“Nelle prossime elezioni non si deciderà quale governo ma il destino della nostra democrazia”, ha scritto Zingaretti, aggiungendo che “il Pd Network chiama a raccolta tutte le forze che intendono fermare idee e personaggi pericolosi”. Il segretario del principale partito di opposizione ha poi concluso il tweet scrivendo “Al lavoro per far vincere l’Italia migliore”.

“Inutile andare avanti a colpi di No e di litigi, come nelle ultime settimane, gli Italiani hanno bisogno di certezze e di un governo che faccia, non di ‘Signor No'”, ha affermato il ministro degli Interni Matteo Salvini che già ieri, 7 agosto, aveva fatto intendere – parlando dal palco di Sabaudia, la prima delle tappe del suo tour estivo – che non sarebbe stato disposto a continuare a governare con un alleato come il M5s.

Il capo politico dei pentastellati e ministro del Lavoro, nel frattempo, ha parlato per il Movimento e risposto al leader del Carroccio: “Siamo pronti a voto, la Lega ha preso in giro Paese. Della poltrona non ci interessa nulla e mai ci è interessato. Una cosa è certa: quando prendi in giro il Paese e i cittadini prima o poi ti torna contro. Prima o poi ne paghi le conseguenze”.

Il vicepremier dei Cinque Stelle ha poi fatto un appello ai partiti: “C’è una riforma a settembre, fondamentale, che riguarda il taglio definitivo di 345 parlamentari. È una riforma epocale, tagliamo 345 poltrone e mandiamo a casa 345 vecchi politicanti. Se riapriamo le Camere per la parlamentarizzazione, a questo punto cogliamo l’opportunità di anticipare anche il voto di questa riforma, votiamola subito e poi ridiamo la parola agli italiani. Il mio è un appello a tutte le forze politiche in Parlamento: votiamo il taglio di 345 poltrone e poi voto”.

Per tutte le notizie e gli aggiornamenti sulla crisi di governo seguite la diretta a questo link

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.