Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Crisi di governo, Renzi ancora contro Conte: “Dimostra di essere attaccato alla poltrona”

Immagine di copertina

Crisi di governo, Matteo Renzi: “Conte attaccato alla poltrona”

Intervenuto alla trasmissione di Rete 4 Quarta repubblica per parlare della crisi di governo (qui tutte le ultime notizie), il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha dichiarato che se Conte decide di andare avanti anche senza ottenere la maggioranza assoluta al Senato “dimostra di essere attaccato alla poltrona”.

Per ottenere la maggioranza assoluta al Senato, infatti, il governo dovrebbe incassare almeno 161 voti: un traguardo assai lontano secondo i rumors che vorrebbero l’esecutivo fermo tra i 151 e 157 senatori.

“La politica è fatta di gesti e sfumature – ha dichiarato Renzi – Noi abbiamo scelto di dire no alla fiducia astenendoci, se non hai la fiducia non puoi non andare al Quirinale, se Conte con meno di 161 voti va avanti, dimostra di essere attaccato alla poltrona”.

Secondo l’ex premier, poi, non è stata Italia Viva ad aprire formalmente la crisi: “Noi abbiamo chiesto di dare più soldi alla sanità, che si riaprano le scuole, che si parli di giovani e lavoro, noi siamo gli unici che le poltrone le lasciano. Le cose che abbiamo detto non sono cose da irresponsabili, prima ci insultano e poi ci deridono e poi ci danno ragione”.

Leggi anche: 1. “Aiutateci”: il discorso di Conte nel momento più difficile per l’Italia / 2. Il Conte dimezzato: il premier può davvero sopravvivere senza maggioranza? Gli scenari della crisi / 3. Sportiello (M5S): “Renzi irresponsabile, crisi di governo devastante per la lotta al Covid”

Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali