Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Coronavirus, il nuovo decreto: cosa cambia dal 14 aprile

Immagine di copertina

Riaprono cartolerie, librerie e negozi d'abbigliamento per bambini e neonati

Coronavirus, cosa cambia dal 14 aprile: riaprono le librerie, guanti obbligatori per fare la spesa

Da martedì 14 aprile cambieranno un po’ di cose per l’Italia. Secondo il nuovo decreto, spiegato venerdì 10 aprile da Giuseppe Conte, a breve riapriranno le librerie, cartolerie e i negozi di vestiti per bambini e neonati. Ma non solo: ripartiranno anche le attività forestali, l’industria del legno e la produzione di computer, tutte attività che erano state sospese durante il lockdown da Coronavirus. Il Presidente del Consiglio ha comunque precisato che la morsa sarà prorogata fino al 3 maggio, compresa la stretta sui rientri dall’estero e sui viaggi di lavoro nel nostro paese: continueranno i controlli agli imbarchi e vige lo stop a chi viaggia con la febbre.

Coronavirus dal 14 aprile: ripartono alcune attività, dalle librerie alle forestali

Nuove regole per le attività aperte. Come spiegato da Conte, ripartiranno attività legate alle aree forestali, per tagliare la legna ad esempio, ma anche per la fabbricazione dei computer. La lista dei codici Ateco si amplia, facendo spazio a tante altre attività legate all’agricoltura, così come la ripresa per gli organismi internazionali presenti in Italia, come le sedi delle agenzie delle Nazioni Unite. Riparte anche il commercio all’ingrosso di carta e cancelleria in modo da poter rifornire le cartolerie di penne, pennarelli e quaderni per la riapertura concessa dal governo.

ORARI PIÙ LUNGHI AL SUPERMERCATO – Un’altro cambiamento riguarda invece le misure per gli esercizi commerciali aperti: sarà necessario utilizzare guanti usa e getta per fare la spesa e la mascherina in tutte le fasi lavorative dove non è possibile mantenere la distanza di sicurezza. Inoltre è prevista la sanificazione dell’ambiente almeno due volte al giorno. Nei piccoli negozi, entro i 40 metri quadri, si deve entrare uno per volta e con la presenza di massimo due operatori. A causa delle lunghe file e per scaglionare gli accessi, si prevede un ampliamento delle fasce orarie. Alla cassa dovrà essere collocato un igienizzante per le mani, da utilizzare anche prima di digitare il Pin del Bancomat.

POSSIBILE SMALTIRE LE SCORTE IN AZIENDA – Per tutte quelle attività sospese, sarà comunque possibile entrare in azienda per vigilanza, manutenzione, gestione dei pagamenti e per la sanificazione gli spazi. Sarà possibile spedire e ricevere merci, previa comunicazione al Prefetto. Le fabbriche e le attività aperte devono assicurare “prioritariamente la distribuzione e la consegna di prodotti deperibili e dei generi di prima necessità”.

 

CORONAVIRUS | SPORT E SPOSTAMENTI VIETATI – Cosa invece non cambia. Resta la morsa sull’attività fisica e sugli spostamenti, per altre tre settimane bisognerà dunque rimanere a casa ed evitare gli spostamenti salvo comprovate esigenze lavorative o di altra necessità. Bar, ristoranti, pub, discoteche rimarranno ancora chiusi. Non sarà possibile spostarsi verso le seconde case di vacanza, così come girovagare per parchi e aree gioco. Stop a tutte le attività sportive, anche gli allenamenti dei professionisti. Si può continuare a praticare attività motoria ma solo nei pressi della propria abitazione, da soli e mantenendo la dovuta distanza di sicurezza.

INGRESSO NEL PAESE – Chi rientra dall’estero in Italia avrà l’obbligo di isolamento fiduciario anche in assenza di sintomi. Inoltre è prevista la possibilità di transiti per lavoro massimo per 5 giorni (72 ore prorogabili di 48). Per la partenza dall’estero, bisognerà consegnare una dichiarazione ai vettori che dovranno misurare la temperatura e bloccare il viaggio di chi ha la febbre. Lo stop vale anche per le navi da crociera.

 

Leggi anche:

1. Salvini e Meloni contro Conte: “Atteggiamento da regime totalitario” / 2. Giorgia Meloni attacca Conte: “Una cosa inaudita, degna di un regime totalitario” / 3. Coronavirus, cosa prevede il decreto del 10 aprile e quali attività potranno riaprire

Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr
Politica / Commissione Esteri, Meloni a Conte: “Se sei serio ritira di Maio”. “Sei all’opposizione o voti con Renzi?”
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”