Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Coronavirus, De Luca pronto a chiudere la Campania: “Il Nord non ha fatto i tamponi, sconcertante”

Di Angelica Pansa
Pubblicato il 21 Ago. 2020 alle 17:32 Aggiornato il 22 Ago. 2020 alle 07:50
599
Immagine di copertina
Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. Credit: Ansa

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, è pronto a chiudere nuovamente la regione. “A fine agosto vedremo se chiedere o no al governo di ripristinare la limitazione della mobilità infraregionale – ha affermato durante una diretta sul suo profilo Facebook. – Lo decideremo tra 15 giorni con grande determinazione, salvo i casi di motivi di lavoro o di salute. Ci regoleremo anche sui contagi nel resto d’Italia“.

“C’è stata una ripresa dei contagi da Covid-19 in tutt’Italia in questi giorni”, ha dichiarato De Luca durante la diretta. E aggiunge critico: “Ho assistito con sconcerto al fatto che alcune Regioni del Nord abbiano ritenuto di non rendere obbligatorio per i loro concittadini rientrati dall’estero il tampone e l’isolamento domiciliare e guardo con preoccupazione a queste scelte poco responsabili”. E mentre nella regione continuerà “il lavoro di screening sui rientri nel mese di agosto in maniera intensa” il governatore guarda a settembre: “I controlli delle temperature per gli alunni dovrebbero essere fatto a scuola e non a casa”. “credo che debba essere garantito l’uso della mascherina agli alunni”. Poi l’attacco finale: “Vorrei che in questa materia ci fosse meno faciloneria di quanto non si sia espresso dal ministero dell’Istruzione”.

E sulla nuova ordinanza di indossare la mascherina, anche all’aperto, dopo le 18 su tutto il territorio nazionale il governatore campano commenta: “Il 90% dei cittadini dopo le 18 la mascherina non la indossa. L’elemento critico e sconcertante è l’assoluta scomparsa delle forze dell’ordine nel controllo delle ordinanze che vengono emesse. Se il governo decide che alle 18 bisogna indossarla, bisogna fare i controlli, altrimenti meglio non fare ordinanze piuttosto che farle e constatare che nessuno le osserva. Sarebbe stato preferibile non fare questa ordinanza e fare controlli mirati nei locali dove le distanze non si rispettano. Sarebbe stato utile per non ridicolizzare lo Stato”.

Leggi anche: 1.Scuola, guerra aperta Azzolina-sindacati: “Sabotatori”/2.Fontana: “Il Covid? Con l’autonomia la Lombardia avrebbe evitato molti errori”/3.Scuola, pubblicate le linee guida dell’ISS: in caso di alunno positivo “si valuta” la quarantena per la classe

599
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.